Questo articolo è stato letto 53 volte

Emergenza Coronavirus: come cambiano le aree di rischio

Terminano le festività pasquali e con esse la vigenza delle misure stabilite per la zona rossa sull’intero territorio nazionale, come sancito dal provvedimento del 12 marzo 2021. La nuova ripartizione delle aree di rischio, a partire dalla giornata odierna, è dettata dalle due ordinanze firmate dal ministro della Salute Roberto Speranza sulla base delle indicazioni provenienti dalla Cabina di Regia.

Rimarranno in zona rossa per altri quindici giorni le Regioni Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana e Valle D’Aosta. Invece Marche, Veneto e Provincia autonoma di Trento guadagnano l’area arancione. Si ricorda inoltre che, ai sensi del decreto legge del 1° aprile 2021, alle Regioni in zona gialla si applicano fino al 30 aprile le stesse misure della zona arancione.

>> IL COMUNICATO UFFICIALE DEL MINISTERO DELLA SALUTE CON I TESTI DELLE ORDINANZE.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *