Questo articolo è stato letto 479 volte

Direttiva Bolkestein: proposta emendativa al Milleproroghe

Direttiva Bolkestein

Nella Conferenza Unificata del 19 gennaio è stata presentata la proposta della Conferenza delle Regioni e Province autonome: si tratta di un emendamento al testo dell’art. 6, co. 8, del Decreto Milleproroghe (d.l. 244/2017) che individua nel 31 dicembre 2018 la data ultima per il rilascio delle concessioni per il commercio su area pubblica da parte di quei Comuni che, alla data di entrata in vigore del decreto, non hanno provveduto all’approvazione dei bandi per il rilascio delle relative concessioni.

Un aspetto del parere messo in rilievo dall’assessore al Commercio della Regione Liguria, Edoardo Rixi. “Ferma restando l’Intesa del 5 luglio 2012 della Conferenza Unificata in materia di rilascio delle concessioni di commercio su aree pubbliche – recita il testo dell’emendamento approvato dalla Conferenza delle Regioni – al fine di rendere coerente l’applicazione della stessa su tutto il territorio nazionale, i Comuni che alla data di entrata in vigore del presente decreto non hanno provveduto all’approvazione dei bandi per il rilascio delle relative concessioni, devono adempiere al rilascio delle concessioni entro il 31 dicembre 2018. Nelle more degli adempimenti da parte dei Comuni sono comunque salvaguardati i diritti degli operatori uscenti”.

Consulta la Pagina speciale sul Decreto Milleproroghe.

Come spiegato dal portale Regioni.it, “l’emendamento richiama esplicitamente l’intesa della Conferenza Unificata del 5 luglio 2012, adottata in attuazione dell’art. 70, comma 5, del d.lgs. 59/2010 di recepimento della Direttiva Bolkestein in materia di commercio su aree pubbliche e chiarisce che viene concessa una proroga al 31 dicembre 2018 per il rilascio delle concessioni in quei Comuni che alla data di entrata in vigore del d.l. 244/2016 non abbiano provveduto all’approvazione dei relativi bandi. Pertanto, i Comuni che avessero, invece, già approvato – ancorché non pubblicato – i bandi per il rilascio delle concessioni relative al commercio su aree pubbliche, possono portare a termine i loro procedimenti come da disposizioni regionali vigenti”.

Di rilievo anche le parole di Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia: “Anche dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome arriva un’unanime indicazione per restituire certezza agli operatori e alle amministrazioni locali sulle procedure e i tempi per la riassegnazione delle concessioni commerciali su area pubblica. A seguito della recente bocciatura da parte del Consiglio regionale di due mozioni, che chiedevano la sospensione dei Bandi già emessi dai Comuni lombardi, anche la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome – ha sottolineato l’assessore – riafferma la bontà e la concretezza dell’operato di Regione Lombardia, oltre che l’inopportunità e la contraddittorietà dell’intervento governativo con il  Milleproroghe, che ha aggiunto ulteriore incertezza ad una situazione che richiede chiarezza e regole certe per gli operatori”.

FORMAZIONE
Come cambia il procedimento amministrativo nel settore delle attività economiche dopo il Decreto SCIA 2 – Le novità per il SUAP – La proroga al 31/12/2018 delle concessioni di posteggio (Decreto Milleproroghe)
Torino, 31 gennaio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *