Questo articolo è stato letto 116 volte

Decreto Sostegni: tutte le misure di rilievo per gli Enti territoriali

Contratti pubblici: fondamentale la proporzionalità e l’interpretazione rigorosa dei patti d’integrità

Come noto, il Consiglio dei ministri ha approvato nella serata di venerdì il Decreto Sostegni, un decreto legge che introduce misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da Coronavirus.
Il decreto interviene, con uno stanziamento di circa 32 miliardi di euro, pari all’entità massima dello scostamento di bilancio già autorizzato dal Parlamento, al fine di potenziare gli strumenti di contrasto alla diffusione del contagio da Coronavirus e di contenere l’impatto sociale ed economico delle misure di prevenzione adottate. L’obiettivo è quello di assicurare un sistema rinnovato e potenziato di sostegni, calibrato secondo la tempestività e l’intensità di protezione che ciascun soggetto richiede.
Gli interventi previsti si articolano in 5 ambiti principali:
– sostegno alle imprese e agli operatori del terzo settore;
– lavoro e contrasto alla povertà;
– salute e sicurezza;
– sostegno agli enti territoriali;
– ulteriori interventi settoriali.
Questo decreto è una risposta significativa molto consistente alle povertà, al bisogno che hanno le imprese e ai lavoratori, è una risposta parziale ma il massimo che abbiamo potuto fare all’interno di questo stanziamento”, ha spiegato il premier Mario Draghi. “Il decreto è complesso e si indirizza a una grande platea, ma i capisaldi sono le imprese, lavoro e la lotta contro la povertà”, ha proseguito il Premier. “L’obiettivo è dare più soldi possibile a tutti, più veloce possibile, e quanti più soldi possibile. Tre quarti dell’importi dei 32 miliardi è destinato alle imprese. L’obiettivo è abbandono dei codici ATECO e velocità dei pagamenti (i pagamenti inizieranno l’8 aprile). 11 miliardi entreranno nell’economia nel mese di aprile. I ristori sono anche aperti alle imprese che operano nella montagna e nel turismo per le decontribuzioni”.
Il Decreto Sostegni dedica inoltre un capitolo alle misure per gli Enti territoriali. Si tratta di importanti misure finanziarie e di altre procedimentali, con una serie di proroghe accordate per scadenze su alcuni adempimenti amministrativi, ad iniziare dal rinvio dei bilanci preventivi. L’Associazione dei Comuni ha predisposto un’infografica riassuntiva per illustrare le principali novità del provvedimento.

>> IL COMUNICATO INTEGRALE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI.

>> IL TESTO DEL DECRETO SOSTEGNI.

>> LA SINTESI COMPLESSIVA DELLE MISURE.

>> L’INFOGRAFICA DELL’ANCI CON LE NORME DI RILIEVO PER GLI ENTI TERRITORIALI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *