Questo articolo è stato letto 28 volte

Corte dei conti: entro il 29 febbraio i dati sui debiti fuori bilancio

È stata inviata a tutti i sindaci e ai presidenti delle province italiane, nonché ai rispettivi responsabili dei servizi finanziari e ai responsabili dell’invio dei dati contabili la nota n. 220 del 16 gennaio 2012 della sezione Autonomie della Corte dei conti in merito alla rilevazione dei dati sui debiti fuori bilancio assunti o sull’evenienza che l’esercizio finanziario appena conclusosi abbia chiuso con un disavanzo di amministrazione. Quindi, gli enti locali e le province, entro il prossimo 29 febbraio, dovranno inviare alla Corte dei conti, esclusivamente per via telematica (all’indirizzo di posta elettronica: indebitamento.sezioneautonomie@corteconti.it.), un questionario inerente i dati relativi ai debiti fuori bilancio riconosciuti o l’eventuale disavanzo di amministrazione con cui si è concluso a consuntivo l’esercizio 2011. La nota precisa che occorrerà inviare il solo questionario, astenendosi dall’invio delle singole deliberazioni di riconoscimento di debiti fuori bilancio, qualora presenti.

Al questionario inviato sono allegate le istruzioni per la compilazione. Nel caso in cui nel corso del 2011 non siano stati riconosciuti debiti fuori bilancio o l’esercizio non si sia chiuso in disavanzo, le amministrazioni non sono esentate dalla trasmissione del questionario, ma occorrerà espressamente indicare la locuzione “negativo”.

Entrando nel dettaglio della composizione del questionario, l’ente dovrà:

–       indicare l’ammontare (in euro) dei debiti fuori bilancio riconosciuti e l’importo di questi che incide negli esercizi finanziari 2011, 2012 e 2013;

–       indicare la copertura finanziaria dei debiti. In particolare: l’ammontare degli stanziamenti in bilancio finalizzati alla predetta copertura, l’ammontare della disponibilità in bilancio di parte corrente, quella degli investimenti, l’importo dell’avanzo di amministrazione, le somme introitate dall’alienazione dei beni e le somme derivanti da mutui contratti con la Cassa depositi e prestiti e quelli con altri istituti bancari. Se l’ente riempie le caselle di queste ultime tre voci, il questionario richiede anche i dati relativi. Ovvero, per l’alienazione dei beni, l’indicazione dell’importo, della data di cessione e del numero di repertorio. Per i mutui contratti con Cc.dd.pp. o altri istituti bancari, occorrerà indicare la denominazione dell’Istituto mutuante, la data del mutuo, il numero di repertorio e, ovviamente, l’importo.

Infine, una sezione del questionario in esame è dedicata ai debiti fuori bilancio riconosciuti prima del 2011 ma che ad oggi non risultano impegnati dalle amministrazioni locali, nonché l’ammontare dei debiti fuori bilancio che, al 31.12.2011, devono essere ancora riconosciuti, specificando se derivano da sentenze esecutive, se sono disavanzi di aziende speciali da ripianare, ricapitalizzazioni di società a partecipazione pubblica, nonché se derivano da espropri o da acquisizioni di beni e servizi.

(Fonte: www.lagazzettadeglientilocali.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *