Controlli mirati per i dipendenti pubblici assenti dal lavoro

Il sociologo: “Non sarà una legge a risolvere il problema. Le verifiche devono farle i dirigenti”

La Stampa
7 Febbraio 2017
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
“Il primo motore di un vero cambiamento nella cultura dei dipendenti pubblici sono i dirigenti. Hanno grandi responsabilità nel favorire la diffusione dei furbi ma dovrebbero avere anche maggiori poteri di rimuovere, spostare, punire i dipendenti che non lavorano. Il secondo motore di un vero cambiamento, però, è il sistema di reclutamento dei dipendenti della macchina pubblica. In molti casi i dirigenti sono costretti ad avere alle loro dipendenze persone raccomandate che si comportano da raccomandate e quindi , per esempio, si rifiutano di fare i turni di notte o durante i giorni di festa. Oppure ricorrono ad ogni altro strumento pur di non lavorare quando dovrebbero”…

Redazione

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento