Questo articolo è stato letto 1 volte

CGLU: enti locali protagonisti del futuro

500 amministratori locali e regionali provenienti da 40 Paesi hanno partecipato  dal 9 all’11 dicembre  a Firenze,  su invito del Sindaco Matteo Renzi, alla Conferenza del CGLU (Città e Governi locali Uniti). Le principali decisioni  rientravano nel quadro della strategia CGLU per i prossimi sei anni, ed hanno riguardato  particolarmente il contributo delle autorità locali e regionali al dibattito internazionale sulla sostenibilità. Nel suo discorso di apertura, il presidente della CGLU Kadir Topbaş, sindaco di Istanbul,  ha sottolineato che la costruzione della governance dal basso verso l’alto sarà fondamentale per il futuro del nostro pianeta.  La Dichiarazione di Firenze, letta in apertura di lavori, ha ricordato quali sono i valori fondamentali degli enti locali: cultura, etica e sostenibilità. I membri della CGLU  hanno convenuto che le strategie internazionali e nazionali per lo sviluppo sostenibile dovrebbe prendere in considerazione visioni locali e regionali. Hanno ribadito  il ruolo delle amministrazioni locali nella lotta al cambiamento climatico e la necessità di sviluppare ulteriormente la pianificazione urbana sostenibile. Inoltre, la CGLU ha evidenziato:   la necessità di sottolineare i forti legami tra buona governance e sviluppo sostenibile; l’importanza di garantire l’accesso all’acqua come un diritto fondamentale.  In preparazione del Forum mondiale dell’acqua che si terrà a Marsiglia nel 2012, un memorandum d’intesa è stato firmato tra il World Water Council e CGLU. Loïc Fauchon, presidente del World Water Council, ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra le due istituzioni. Inoltre la CGLU ha  deciso di produrre il Terzo Rapporto dell’Osservatorio sul Decentramento globale sulla “Governance di servizi locali di base”, insieme allo sviluppo di un indice sui governi locali e decentramento, secondo le opinioni e le esperienze dagli amministratori  locali e regionali. La Conferenza ha inoltre espresso solidarietà e sostegno ai processi democratici in atto nella regione del Mediterraneo: è stato formato un nuovo gruppo di lavoro sul Medio Oriente e Vicino Oriente. L’incontro si è svolto alla la presenza di sindaci di città di tutto il mondo come Rabat, Dakar, Parigi, Stoccarda, Siviglia ed ha visto  la partecipazione di numerosi sindaci italiani. Il Consiglio è stato presieduto da (Turchia) e Presidente della CGLU, e dal Co-Presidenti Antonio Costa, sindaco di Lisbona (Portogallo), Muchadeyi Masunda, Sindaco di Harare (Zimbabwe), Ilsur Metshin, sindaco di Kazan (Russia), e Ted Ellis, sindaco di Bluffton (USA), Tesoriere.
>> Per maggiori informazioni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *