Questo articolo è stato letto 39 volte

Certificazione del patto di stabilità interno 2015: da inviare entro il 31 marzo

In attesa della pubblicazione in G.U., il MEF ha pubblicato il testo del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze n. 18628 del 4.3.2016, concernente la certificazione del rispetto degli obiettivi del patto di stabilità interno 2015 degli enti locali, in attuazione dell’art. 31, comma 20, della legge 12.11.2011, n. 183.

Gli enti locali soggetti al patto di stabilità interno trasmettono, entro il termine perentorio del 31 marzo 2016, al Ministero dell’economia e delle finanze, Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, utilizzando il sistema web appositamente previsto per il patto di stabilità interno nel sito web «http://pattostabilitainterno.tesoro.it», una certificazione, firmata digitalmente, ai sensi dell’articolo 24, del decreto legislativo 7.3.2005, n. 82, dal rappresentante legale, dal responsabile del servizio finanziario e dai componenti dell’organo di revisione economico-finanziaria validamente costituito, relativa al rispetto degli obiettivi del patto di stabilità interno per l’anno 2015, secondo il prospetto e le modalità contenute nell’allegato al citato decreto ministeriale n. 18628.

Gli enti locali soggetti al patto di stabilità interno che non provvedono ad inviare la certificazione nei modi e nel termine precedentemente indicati sono considerati inadempienti al patto di stabilità interno 2015, ai sensi dell’articolo 31, comma 20, della legge n. 183 del 2011 e sono assoggettati alle sanzioni di cui all’articolo 31, comma 26, lettera b) e seguenti della legge n. 183 del 2011.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *