Questo articolo è stato letto 2 volte

Censimento 2011 auto blu, riduzione del 10%

Si è concluso il censimento del parco auto delle pubbliche amministrazioni per il 2011.  Il censimento, svolto da FormezPA su incarico della Funzione Pubblica, è stato effettuato su 8.276 amministrazioni, centrali e locali, ed ha avuto l’adesione del 90.8% delle amministrazioni.
Questi i principali risultati:

  • 59.216 vetture censite, di cui 9.855 “blu” (cioè riservate ai vertici delle pa) e 49.485 “grigie” (cioè destinate ad un uso di servizio);
  • 64.524 autovetture è la stima totale (aggiungendo le auto, in proprietà o in noleggio, degli enti non rispondenti) così distribuite: 10.634 blu e 53.890 grigie;
  • riduzione del 10% delle auto rispetto al 2010, con una riduzione più accentuata sulle auto blu (13%).

Fra le amministrazioni rispondenti, le principali sono le regioni, le università, le camere di commercio, le province, i comuni capoluogo e le Asl (oltre il 95%), seguite dalla p.a. centrale (93,5%), dagli enti pubblici nazionali (90%), dai comuni non capoluogo e dagli enti regionali (82%).
Per quanto concerne la distribuzione geografica, prevale il Nord con una percentuale abbondantemente sopra il 90%, il Centro con percentuali intorno all’80%, mentre le regioni meridionali si attestano poco sopra il 70% (fanalini di coda sono Calabria, Sicilia e Campania).
È disponibile, fra i vari dati, l’elenco delle amministrazioni non rispondenti. Il Dipartimento della Funzione Pubblica ha dato mandato all’Ispettorato della FP di verificare se le amministrazioni non rispondenti erano in possesso di autovetture e quindi risultanti in violazione dell’obbligo previsto dal d.P.C.M. 3.8.2011.
Il parco auto della p.a. risulta ancora eccessivamente sbilanciato sulle auto di proprietà (79%), seguito dal noleggio senza conducente (19%), mentre leasing e comodato sono all’1%.
Il parco auto della p.a. risulta anche obsoleto e sicuramente diseconomico e con considerevole effetto inquinamento, dato che ben 16.000 auto (il 27% del totale) ha oltre 10 anni, e il 34% ha tra 5 e 10 anni di utilizzo. Inoltre  circa 800 auto risultano non utilizzate.
Riguardo alla cilindrata, il 16% risulta superiore ai 1900 cc, mentre il 3,6% è compreso tra 1600 e 1900 cc, e il 66% tra 1100 e 1600 cc. Sono state censite anche circa 300 autovetture di cilindrata superiore al limite di 1.600 cc (elenco a disposizione sul sito), immatricolate successivamente alla pubblicazione del d.l. 98/2011 che prevedeva il limite di 1.600 cc per le auto di servizio della p.a. Su tutti questi casi il Dipartimento per la Funzione Pubblica avvierà uno specifico accertamento.

Al via il monitoraggio
I dati del censimento 2011 presentano un trend positivo di riduzione dei costi, ma permangono alcune criticità:

  • rilevanti disomogeneità territoriali;
  • numero troppo elevato di auto di proprietà;
  • numero eccessivo di auto obsolete e inquinanti;
  • numero non irrilevante di auto non utilizzate;
  • numero eccessivo di auto oltre i 1600 cc.

Oggi avviamo un monitoraggio permanente con l’obiettivo di verificare:

  • i risparmi del 20% previsti dal d.l. 78/2010;
  • l’applicazione dei criteri di razionalizzazione previsti dell’art. 3 del DPCM del 3 agosto 2011;
  • il rispetto dei limiti di cilindrata previsti dalla legge (1600 cc);
  • un diverso impiego delle auto non utilizzate per fini di utilità sociale;
  • la dismissione delle auto obsolete e inquinanti;
  • misure di riconversione del personale adibito alla guida e gestione auto.

Inoltre, sulla base della estensione della normativa a regioni e enti locali (d.P.C.M. 13 gennaio 2012) si lavorerà ad una intesa in Conferenza Unificata per un’applicazione omogenea delle misure di razionalizzazione sul territorio.

Il risparmio complessivo di questi interventi è stimato a regime in 300 milioni di euro annui
Con il nuovo monitoraggio, tutte le amministrazioni dovranno rispondere a specifici quesiti utilizzando lo stesso sistema on line attivato per il censimento (www.censimentoautopa.gov.it). nel quale sono già inserite le informazioni sul parco auto da esse detenuto.
 “In un momento di grandi sacrifici per decine di milioni di cittadini italiani ed europei – ha dichiarato il Ministro Patroni Griffi – riteniamo di integrare ulteriormente le già rigide previsioni normative di riduzione di utilizzo di auto blu da parte delle amministrazioni pubbliche, prevedendo ulteriori azioni e se necessario disposizioni per accertare che le riduzioni previste si traducano in effettivo risparmio permanente e contributo al risanamento dei conti pubblici. Sulla trasparenza in tema di uso di auto pubbliche l’Italia può diventare  un esempio virtuoso per tutta l’Unione Europea, dove raramente esiste un monitoraggio continuo e così dettagliato”.
Tutti i dati sono pubblici e consultabili da chiunque:
Banca dati delle auto della pubblica amministrazione, le tabelle di analisi e di sintesi del censimento 2011 sono reperibili sul sito del Formez.
Formez PA, attraverso un Help Desk dedicato, fornisce informazioni e assistenza sulle modalità di partecipazione al monitoraggio, ai seguenti recapiti:
e-mail infoautoblu@formez.it. telefono 06 82888782 (ore 9-16).
Per maggiori informazioni è disponibile sul sito del Formez la Guida tecnica che riporta modalità, termini di partecipazione e note per la compilazione, nonché le risposte alle domande più frequenti.

(Fonte: Ministero p.a. e semplificazione)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *