Questo articolo è stato letto 15 volte

Cannabis, la rivolta delle Regioni

Fonte: La Stampa

«Il governo e il Parlamento diano una risposta in tempi brevi. E non intendo settimane, ma ore. Altrimenti provvediamo da soli». L’ultimatum di Michele Emiliano sulla cannabis terapeutica ha i toni della soffice ribellione cari al governatore pugliese sempre in equilibrio tra la fede di partito e gli impulsi autonomisti. Il tema però è sentito, e anche altri due governatori di centrosinistra, Enrico Rossi, della Toscana, e Stefano Bonaccini, dell’Emilia Romagna, si uniscono all’appello sull’esigenza di aumentare la distribuzione in Italia della canapa medicinale.

Il presidente della Puglia è pronto ad avviare una produzione regionale del farmaco a base di marijuana, in provincia di Lecce, dove, a Racale, è già attiva l’associazione «La Piantiamo», se a Roma, «dal ministero della Salute non si attrezzeranno per aumentare le quantità della cannabis a uso medico» sul mercato italiano. «Me ne sono accorto questa estate – racconta Emiliano. Nonostante l’impegno spasmodico mio e della Asl di Bari, non siamo riusciti a trovare abbastanza farmaci per soddisfare il fabbisogno dei malati»…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *