Questo articolo è stato letto 10 volte

Bilanci locali in sofferenza

Fonte: Italiaoggi.it

Province alla canna del gas, comuni in sofferenza anche a causa delle nuove regole sulla contabilità armonizzata, mini-enti sempre più in dissesto e criticità diffuse nel rispetto del pareggio di bilancio. Sono molti i campanelli d’allarme che risuonano dalla relazione sulla gestione finanziaria degli enti locali approvata dalla sezione autonomie della Corte dei conti con la delibera n. 4/2017.

La relazione esamina la gestione finanziaria degli enti locali (comuni, province, città metropolitane e unioni di comuni) per l’esercizio 2015. Un esercizio che ha visto, a consuntivo, crescere in maniera esponenziale il numero di enti inadempienti al Patto di stabilità (al suo ultimo anno di applicazione). A non essere in regola sono stati 150 comuni e la bellezza di 64 province, segno, osserva la Corte, del «diffuso stato di malessere» degli enti intermedi. Un malessere che «pone seri dubbi sulla sostenibilità dei tagli ai trasferimenti e dei sempre più onerosi contributi alla manovra, imposti nel tempo dal legislatore».

Oltre che sul passato, la sezione autonomie ha rivolto l’attenzione anche al presente della gestione finanziaria degli enti locali, ossia al pareggio di bilancio che dal 2016 ha mandato in soffitta il Patto. I primi dati che emergono dal monitoraggio del rispetto del Pareggio alla data del 30 settembre 2016 non lasciano dormire sonni tranquilli anche se, avvertono i giudici contabili, «i dati a consuntivo normalmente modificano gli andamenti infrannuali»…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *