Questo articolo è stato letto 238 volte

Spese elettorali 2019: “Rimborsi insufficienti”

ANCI: “Sulla contabilità economico-patrimoniale in arrivo un emendamento governativo”

La questione dei rimborsi ai Comuni per le spese elettorali in vista delle elezioni europee, già da mesi al centro del dibattito, è riemersa con l’emanazione della circolare esplicativa 3 aprile 2019, n. 8 del Ministero dell’Interno; e ad oggi i nodi ancora da sciogliere non sono pochi. In particolare viene paventata la possibilità che le risorse messe a disposizione dei Comuni non risultino sufficienti a coprire le spese sostenute dai Comuni in occasione delle elezioni europee e comunali. Su questa criticità mette l’accento Virginio Brivio, Presidente di ANCI Lombardia, che al proposito dichiara:

In previsione del prossimo election day di maggio, che in Lombardia unirà al voto per il Parlamento Europeo quello per il rinnovo di circa mille consigli comunali, è doveroso osservare che, dalle prime notizie emanate dal Ministero, il rimborso che i Comuni riceveranno in merito alle spese sostenute per garantire l’ottimale svolgimento delle attività previste, potrebbe essere insufficiente a coprire l’effettivo esborso degli Enti. ANCI Lombardia ha quindi prontamente sollecitato ANCI nazionale affinché si faccia portavoce di questo problema e chieda al Ministero dell’Interno un intervento correttivo ovvero un’integrazione a quanto preventivato in questa prima fase.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *