Questo articolo è stato letto 802 volte

Aliquota IVA ridotta per le prestazioni socio-sanitarie

Aliquota IVA ridotta per le prestazioni socio-sanitarie

Il comma 960 dell’articolo unico della Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015 n. 208) ha introdotto una nuova aliquota IVA ridotta, nella misura del 5%, applicabile alle prestazioni socio-sanitarie, assistenziali ed educative rese dalle cooperative sociali e dai loro consorzi.

La lettera a) del menzionato comma 960, infatti, riformula l’art. 16 del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, prevedendo: “L’aliquota dell’imposta è stabilita nella misura del ventidue per cento della base imponibile dell’operazione. L’aliquota è ridotta al quattro, al cinque e al dieci per cento per le operazioni che hanno per oggetto i beni e i servizi elencati, rispettivamente, nella parte II, nella parte II-bis e nella parte III dell’allegata tabella A, salvo il disposto dell’articolo 34, relativo al regime speciale previsto per i produttori agricoli.

In particolare, la nuova parte II-bis della Tabella A, allegata al d.P.R. n. 633 del 1972 – introdotta dalla lettera c) del citato comma 960 – prevede, al n. 1), che siano soggette alla nuova aliquota IVA del 5 per cento determinate prestazioni (socio-sanitarie, assistenziali ed educative) rese da cooperative sociali e loro consorzi in favore di specifiche categorie di soggetti.
La precedente disciplina, in materia di operazioni socio-sanitarie e assistenziali, riferita alle disposizioni contenute nel vecchio art. 16 del d.P.R. n. 633 del 1972, prevedeva l’applicazione, oltre che dell’aliquota ordinaria al 22%, anche di un’aliquota ridotta, pari al 10%, e di un’aliquota super-ridotta, pari al 4%.

FORMAZIONE
La disciplina dell’IVA nelle Amministrazioni e Aziende Pubbliche – Regole e adempimenti operativi
Cagliari, 23 maggio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *