Questo articolo è stato letto 111 volte

Aggiornamento metodologia invariata dei fabbisogni standard

Aggiornamento metodologia invariata dei fabbisogni standard

Si è riunito la scorsa settimana a Palazzo Chigi il Consiglio dei ministri (n. 71) sotto la presidenza del Presidente Paolo Gentiloni. Tra i temi trattati spicca l’ok all’aggiornamento a metodologia invariata dei fabbisogni standard delle Province e delle Città metropolitane delle Regioni a statuto ordinario per il 2018 (decreto del Presidente del Consiglio dei ministri – esame definitivo).

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze Pier Carlo Padoan, ha infatti approvato, in esame definitivo, il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri che aggiorna, a metodologia invariata, i fabbisogni standard delle Province e delle Città metropolitane delle Regioni a statuto ordinario per il 2018 e determina i coefficienti di riparto degli stessi fabbisogni relativi alle seguenti funzioni fondamentali: programmazione provinciale e metropolitana della rete scolastica, costruzione e gestione delle strade, pianificazione, tutela e valorizzazione dell’ambiente, pianificazione dei servizi di trasporto privato, raccolta ed elaborazione dei dati, nonché assistenza tecnico-amministrativa agli Enti Locali. Il decreto ha ricevuto il parere favorevole della Conferenza Stato Città ed Autonomie locali.

Inoltre il Cdm ha deliberato il recepimento degli accordi sindacali per il triennio economico e normativo 2016-2018 relativi al personale non direttivo e non dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, ai sensi dell’art. 37, comma 3, del decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217, al personale direttivo e dirigente del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, ai sensi dell’art. 83, comma 3, del decreto legislativo 13 ottobre 2005, n. 217 e al personale delle Forze di polizia ad ordinamento civile (Polizia di Stato e Corpo della polizia penitenziaria).

>> CONSULTA IL COMUNICATO UFFICIALE DEL GOVERNO.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *