Questo articolo è stato letto 2 volte

Agenzie «tagliate» entro il 1° dicembre

Fonte: Il Sole 24 Ore

Si profila un nuovo assetto per le Agenzie: oltre all’incorporazione dell’amministrazione autonoma dei monopoli di Stato nell’agenzia delle Dogane e dell’agenzia del Territorio in quella delle Entrate, arrivano nuovi parametri per il personale.
In particolare, per le agenzie fiscali il rapporto tra personale dirigenziale di livello non generale e il personale non dirigente non deve essere superiore a uno su 40. Per l’agenzia delle Entrate questo rapporto sale a uno su 20, mentre per l’agenzia delle Dogane e dei monopoli (questo il nuovo nome dell’Agenzia dopo l’incorporazione) il rapporto diventa di uno su 15. Stesso rapporto per l’agenzia del Demanio.
Allo stesso tempo, però, il maxiemendamento introduce la possibilità di prevedere posizioni non dirigenziali nelle agenzie fiscali, per «assicurare la funzionalità dell’assetto operativo conseguente alla riduzione dell’organico dirigenziale». Ecco quindi che si aprono le porte per un massimo di 380 unità di personale della terza area che abbiano maturato almeno cinque anni nella stessa area. Queste «promozioni» non potranno comunque costare più di 13,8 milioni di euro.
Per scegliere chi potrà ricoprire queste posizioni saranno bandite procedure di selezione. Al personale che sarà individuato saranno attribuite un’indennità di posizione, graduata secondo il livello di responsabilità ricoperto, e un’indennità di risultato, in misura non superiore al 50% del trattamento economico attualmente corrisposto al dirigente di seconda fascia di livello retributivo più basso, con esclusione della retribuzione di risultato. In ogni caso l’indennità di risultato non potrà essere superiore al 20% dell’indennità di posizione. Nell’articolo 23-quinquies, modificato dal maxiemendamento, si specifica che «in relazione alla corresponsione dell’indennità di posizione non sono più erogati i compensi per lavoro straordinario, nonché tutte le altre voci del trattamento economico accessorio a carico del fondo, esclusa l’indennità di agenzia».
La riduzione degli uffici dirigenziali dovrà essere conclusa entro il 31 ottobre 2012: in caso contrario, alle agenzie sarà vietato procedere ad assunzioni di personale «a qualsiasi titolo e con qualsiasi contratto».
Per quanto riguarda l’incorporazione dell’Aams nel l’agenzia delle Dogane e del l’agenzia del Territorio nelle Entrate, la data stabilita è il 1° dicembre 2012, ma il ministero dell’Economia avrà tempo fino al 31 dicembre per trasferire le risorse umane, strumentali e finanziarie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *