Questo articolo è stato letto 1 volte

Aerei blu anche per i ministri previa motivazione d’urgenza

Fonte: Italia Oggi

Voli di stato anche per ministri, delegazioni ufficiali degli organi costituzionali ed ex presidenti della Repubblica. A condizione che sia motivata l’urgenza di trasferimento e l’impossibilità di provvedere con i normali voli di linea. Tutti i voli di stato dovranno essere pubblicati, con cadenza mensile, sul sito internet della presidenza del consiglio, indicando la data di volo, il soggetto destinatario e le motivazioni. Si amplia, in tal modo, la platea degli interessati all’utilizzo dei voli di stato, rispetto a quanto previsto dall’articolo 3 del dl 98/2011. A mettere nero su bianco i criteri e le modalità di utilizzo degli «aerei blu», è la direttiva del presidente del consiglio dei ministri 23/9/2011, pubblicata in Gu del 13 dicembre. La manovra correttiva dei conti pubblici varata quest’anno, all’articolo 3 ha disposto che i voli di stato devono essere limitati al presidente della Repubblica, ai presidenti di camera e senato, al presidente del consiglio dei ministri e al presidente della Corte costituzionale. Le eventuali eccezioni devono essere specificamente autorizzate, soprattutto con riferimento agli impegni internazionali e rese pubbliche sul sito della presidenza del consiglio, tranne nei casi che concernono il segreto di stato. La direttiva in esame, all’art. 2, ha precisato che, su esplicita richiesta motivata, l’uso dei voli di Stato può essere concesso anche agli ex presidenti della Repubblica e, in via eccezionale ai componenti del governo e alle delegazioni ufficiali degli organi costituzionali. In questi casi si dovranno mettere nero su bianco le motivazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *