Accordi tra pubbliche amministrazioni su attività di natura culturale e turistica

Accordi tra pubbliche amministrazioni su attività di natura culturale e turistica: questo il tema al centro dell’approfondimento della rubrica “In pratica: modulistica pronta all’uso” a cura di Maurizio Lucca, Segretario Generale di Enti locali, autore di pubblicazioni e docente in corsi di formazione, sul portale di Maggioli Cultura. Disponibili informazioni utili per la PA sulle pratiche da assolvere per la stipula degli accordi.

>> CLICCA QUI PER APPROFONDIRE.

>> CLICCA QUI PER SCARICARE IL DOCUMENTO.

Nelle diversificazioni dei modelli consensuali tra Pubbliche Amministrazioni – in ambito culturale e turistico – si possono legittimamente annoverare alcune forme di esercizio e cooperazione organizzativa dell’azione amministrativa: gli “accordi”, individuati dall’art. 15, della legge n. 241/1990.

>> ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI MAGGIOLI CULTURA.

Va chiarito, nel quadro normativo di riferimento, che l’accordo si presenta quale norma di chiusura delineandosi strutturalmente diverso dalla “conferenza di servizi” (ex artt. 14 ss. della legge n. 241/1990), avendo lo scopo di assolvere una funzione pubblica, concentrando le scelte e gli interessi decisionali attraverso un negozio consensuale con natura plurisoggettiva pubblica, autolimitando le Amministrazioni aderenti mediante una sequenza procedimentale di reciproche concessioni e obblighi per la risoluzione di “interessi comuni”, valorizzando la finalizzazione istituzionale perseguita, ovvero la cura degli aspetti culturali e turistici che alimentano un territorio e la sua popolazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.