Questo articolo è stato letto 61 volte

La possibilità di affidamento a “canone fisso” per la concessione del servizio di accertamento e riscossione

IRPEF 5 per mille: elenco dei Comuni che hanno ricevuto contributi nell'anno 2020

Sul portale dell’IFEL (Fondazione ANCI) è stata pubblicata una nota di chiarimento relativa alla possibilità di continuare ad affidare la concessione del servizio di accertamento e riscossione delle entrate locali secondo la formula corrispettiva del c.d. “canone fisso”. Stanno infatti giungendo in questi giorni numerose richieste all’IFEL, soprattutto da parte di Piccoli Comuni, in ordine alla legittimità di addivenire ad affidamenti in concessione del servizio di accertamento e riscossione secondo la formula corrispettiva del c.d. “canone fisso”, tipicamente adottato da molti enti di piccola dimensione nella gestione della pubblicità comunale. In tali casi, in luogo di una remunerazione basata sull’aggio o su una diversa specifica remunerazione del servizio di gestione dell’entrata, il concessionario trattiene le somme riscosse a fronte del pagamento al Comune di un canone concessorio prestabilito. Le richieste si concentrano sul possibile contrasto di questa modalità contrattuale con le prescrizioni dell’art. 2-bis del d.l. n. 193/2016, che dispongono il versamento obbligatorio delle entrate comunali sul conto corrente di tesoreria dell’ente impositore.

>> LA NOTA DI CHIARIMENTO DELL’IFEL.

***

Sono tante le novità introdotte in materia di fiscalità locale che potrebbero arrecare difficoltà ai contribuenti: dalle norme di interpretazione autentica sull’IMU agricola alla disciplina dell’Imposta di soggiorno, passando per le disposizioni in materia di TARI introdotte dal d.lgs 116/2020. A riguardo il corso “Le ultime novità sui tributi locali“, in programma martedì 9 marzo 2021 dalle ore 9:30 alle 12:30, sarà strutturato in modo da garantire un esame analitico degli elementi più ostici introdotti dal legislatore.

>> CLICCA QUI PER ISCRIVERTI.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *