Questo articolo è stato letto 118 volte

Rinegoziazione prestiti concessi ai Comuni: la circolare CDP

La circolare CDP

La Cassa Depositi e Prestiti interviene  nuovamente  a  sostegno  della  finanza  locale,  consentendo  agli  Enti  interessati, attraverso la rinegoziazione dei prestiti in essere, una gestione attiva del proprio debito.
Al riguardo, sul sito di CDP www.cdp.it è disponibile la circolare  n. 1289 recante “Rinegoziazione per il secondo semestre 2017 dei prestiti concessi ai comuni dalla Cassa depositi e prestiti società per azioni” , che  riporta,  tra  l’altro,  le  caratteristiche  dell’operazione  di  rinegoziazione,  i  termini  e  le  modalità di adesione alla stessa.
Gli Enti interessati potranno aderire all’operazione dal 17 ottobre al 3 novembre 2017.

La circolare della Cassa Depositi e Prestiti

La documentazione deve pervenire a CDP entro il 10 novembre 2017, secondo le modalità indicate nella Circolare; si precisa che le delegazioni di pagamento devono pervenire in originale entro le ore 17.00 del 14 novembre 2017 e che, per la consegna brevi manu o a mezzo corriere, gli uffici sono aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 17.00.
Per specifiche e approfondimenti su caratteristiche dell’operazione, tempistica e adempimenti formali si rimanda alla Circolare CDP n. 1289 mentre, per la determinazione delle relative condizioni finanziarie, alla Nota tecnica.

Requisiti dei prestiti rinegoziabili

– ordinari a tasso fisso, variabile e flessibili con ammortamento interamente a proprio carico, con le eccezioni previste nella Circolare CDP n. 1289;
– non rinegoziati nel 1° semestre 2017 ai sensi della Circolare n. 1287 del 12 aprile 2017;
– importo debito residuo al 1° luglio 2017 pari almeno a 10.000,00 euro su ogni singolo prestito;
– scadenza del piano di ammortamento successiva al 31 dicembre 2021.

Gli Enti potranno scegliere tra le seguenti 2 modalità alternative di rimborso dei prestiti rinegoziati

– pagamento al 31 dicembre 2017 (o al 31/01/2018) della sola quota interessi prevista nei vigenti piani di ammortamento; le successive rate di ammortamento, a partire dal 30 giugno 2018 fino a scadenza, saranno comprensive di quota capitale e interessi;
– pagamento al 31 dicembre 2017 della rata di ammortamento (quota capitale e quota interessi) prevista nei vigenti piani di ammortamento e al 30 giugno 2018 della sola quota interessi maturata nel 1° semestre 2018(calcolata sul debito residuo al 1° gennaio 2018 al tasso/spread post rinegoziazione); le successive rate di ammortamento, a partire dal 31 dicembre 2018 fino a scadenza, saranno comprensive di quota capitale e interessi.

>> CONSULTA IL TESTO DELLA CIRCOLARE CDP 9 OTTOBRE 2017, n. 1289.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *