Questo articolo è stato letto 173 volte

Cassazione: la pausa caffè? Fa bene al lavoro

La pausa caffè, come tutte le pause finalizzate al recupero delle “energie psico-fisiche”, fa bene al lavoro, in quanto dopo la pausa segue un “migliore espletamento del servizio”. Lo sottolinea la Cassazione, precisando però che, tra le pause lavoro, non sono “omologabili alle finalità di ristoro” quelle fatte “per scopi familiari”.
In questo modo, la prima sezione penale ha bocciato il ricorso di un maresciallo dei carabinieri della stazione di Chiavari che, durante l’orario di servizio, si era assentato per un quarto d’ora per andare a parlare con la ex moglie sull’eventuale vendita della casa comune. Il maresciallo Massimo B. è stato condannato dalla Corte militare d’Appello di Roma, nel giugno 2010, a due mesi e venti giorni di reclusione per il reato di violata consegna aggravata. Inutilmente il carabiniere si è rivolto alla Cassazione sostenendo, da una parte, che non c’era stato abbandono dell’itinerario di servizio poiché la residenza della ex moglie rientrava nell’itinerario prescritto dall’ordine di servizio. E facendo presente, anche, che in fondo si era trattato di una pausa assimilabile a quella per un caffè al bar.
Piazza Cavour (sentenza 8.2.2011, n. 4509) ha respinto la linea difensiva del carabiniere e ha evidenziato che “la Corte di merito, con motivazioneadeguata e coerente, ha ravvisato nella sosta attuata dall’imputato per scopi familiari in un contesto di separazione, una finalità non omologabile a quelle di ristoro e, in genere, di rafforzamento delle proprie energie psico-fisiche utili al migliore espletamento del servizio”. Non pertinente, poi, è stato ritenuto dalla Cassazione “il richiamo difensivo delle soste al bar per un caffè”, in quanto, insiste la Cassazione, la pausa per motivi personali è stata “concretamente ostativa al corretto svolgimento dell’attività di vigilanza sul territorio”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>