Questo articolo è stato letto 177 volte

Scade il 15 settembre il termine per la richiesta contributi per opere pubbliche e messa in sicurezza di edifici e territorio

Scade il 15 settembre il termine per la richiesta contributi per opere pubbliche e messa in sicurezza di edifici e territorio

Scade martedì 15 settembre 2020 (entro la mezzanotte), il termine per la richiesta di accesso alle risorse per l’annualità 2021 finalizzate alla realizzazione di:
– investimenti di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico;
– investimenti di messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti;
– investimenti di messa in sicurezza ed efficientamento energetico degli edifici, con precedenza per gli edifici scolastici, e di altre strutture di proprietà dell’ente.

A segnalarlo un comunicato dell’IFEL nel quale si rammenta che, per effetto dell’art. 46 del recente decreto legge 104/2020 (cd. Decreto Agosto), le risorse disponibili sono significativamente aumentate:
– 350 milioni è l’importo stanziato in origine dalla Legge di Bilancio 2019 (art. 1, comma 38, lett. a). Gli enti beneficiari saranno individuati entro il 15 novembre con apposito decreto del Ministero dell’Interno;
– si aggiungono poi, sempre con riferimento al 2021, ulteriori 900 milioni stanziati con il recente “decreto agosto” (art. 46, comma 1, lett. a), finalizzati allo scorrimento della graduatoria relativa alle richieste pervenute per il 2021 e ritenute ammissibili.
– lo stesso dispositivo di scorrimento della graduatoria delle richieste per il 2021 si applica ai contributi aggiuntivi per 1.750 mln. di euro relativi al 2022 stanziati dallo stesso art. 46 (che si aggiungono ai 450 mln. già stanziati).

Gli enti beneficiari degli incrementi di cui alle lettere b. e c. saranno individuati dal Ministero dell’interno con successivo comunicato da emanarsi entro il 31 gennaio 2021. Nei successivi 10 giorni i comuni beneficiari dello scorrimento della graduatoria 2021 dovranno confermare l’interesse al contributo. Il Ministero dell’Interno provvederà a formalizzare le assegnazioni relative alle quote incrementali 2021 e 2022 con proprio decreto entro il 28 febbraio 2021.
È opportuno sottolineare che le richieste presentate entro il termine del 15 settembre 2020 consentiranno l’accesso al complesso delle risorse sopra indicate per un totale di 3 mld. di euro.
Sul sito del Ministero dell’Interno – Direzione centrale finanza locale è disponibile il decreto contenente il “Modello di certificazione informatizzato” con il quale i Comuni comunicano la richiesta di contributi che dovrà essere compilata esclusivamente in modalità telematica.

>> CONSULTA IL COMUNICATO INTEGRALE DELL’IFEL CON TUTTI I CHIARIMENTI IN TEMA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *