Questo articolo è stato letto 1 volte

In primo piano

Riforma Senato, Boschi: possibili modifiche alla Camera

“Saranno possibili alcune modifiche anche alla Camera. Mi auguro che siano il più contenute possibili, anche perché l’impianto della riforma non credo possa essere rimessa in discussione”. Così il Ministro per le riforme istituzionali Maria Elena Boschi, a margine di un dibattito alla Festa dell’Unità di Firenze, ai giornalisti che le chiedevano un commento alle parole del senatore Vannino Chiti, che ha dichiarato che, sulla riforma del Senato, la Camera non si limiterà a mettere un timbro.
Il testo della riforma “è frutto di un lavoro approfondito che è durato mesi – ha spiegato Boschi – e di un voto a maggioranza ampia in Senato”.

“Vogliamo arrivare al 2018”
“Vogliamo arrivare fino al 2018 perché abbiamo delle riforme importanti da attuare”, ha invece replicato a chi le chiedeva se dopo l’approvazione della legge elettorale si andrà al voto. “Assolutamente no – ha risposto – non si fa la legge elettorale per andare al voto, la si fa perché è un impegno che abbiamo preso con i cittadini. Dopodiché il lavoro andrà avanti, abbiamo presentato il programma dei prossimi mille giorni”.

Quinta Leopolda a Firenze a ottobre
Il Ministro ha poi aggiunto: “Faremo la quinta Leopolda a Firenze dal 24 al 26 ottobre”, riferendosi alla kermesse renziana, organizzata dall’attuale presidente del Consiglio fin dal 2010. Boschi ha detto che il tema sarà deciso nelle prossime settimane e che saranno “tre giorni di dibattito e confronto che inizieranno con tavoli di discussione aperti a tutti con esponenti politici e della società civile”.

“Sulla Consulta aspettiamo che gli altri si chiariscano le idee”
Per quanto riguarda le nomine alla Consulta, il ministro ha detto di augurarsi che la giornata di lunedì “sia la volta buona”. “Noi come Partito democratico abbiamo il nostro candidato, aspettiamo ovviamente che gli altri partiti si chiariscano le idee perché sappiamo che i voti del Pd non bastano per eleggere i giudici della Corte”.

Le unioni civili tra omosessuali
Infine, parlando delle unioni civili, Maria Elena Boschi ha detto di essere “favorevole al riconoscimento delle unioni civili anche tra persone dello stesso sesso”. “Come partito ci siamo impegnati in questo senso – ha proseguito – ma sappiamo che nella maggioranza ci sono sensibilità diverse”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *