Questo articolo è stato letto 50 volte

Legge di stabilità, decreto Milleproroghe, collegato ambientale… Le novità da sapere in materia di appalti

I provvedimenti di fine anno, primo fra tutti la legge di stabilità, ma anche il decreto Milleproroghe e il collegato ambientale approvato alla Camera il 22 dicembre scorso e in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, introducono diverse novità in materia di affidamento di lavori, beni e servizi da parte degli enti locali. 
Qui di seguito una breve sintesi delle principali novità introdotte da ciascun provvedimento.

 Legge di stabilità 2016 >> vai al testo completo

Viene restituita ai comuni con popolazione inferiore ai 10.000 ab. la possibilità di procedere autonomamente per gli acquisti di lavori, beni e servizi di valore inferiore a 40.000 euro, senza l’obbligo di ricorrere alle forme aggregate
Art. 1, comma 501, lettera b)

Per gli acquisti di beni e servizi di valore inferiore a 1.000 euro non è più obbligatorio ricorrere al MePA o alle centrali di committenza regionali
Art. 1, commi 502 e 503

Gli strumenti di negoziazione messi a disposizione da Consip sono estesi anche alle attività di manutenzione
Art. 1, comma 504

Gli enti locali hanno l’obbligo di approvare, entro il mese di ottobre di ciascun anno, il programma biennale e suoi aggiornamenti annuali degli acquisti di beni e di servizi di importo unitario stimato superiore a 1 milione di euro. Tale programma deve essere pubblicato sul sito internet dell’amministrazione e sul sito dell’ANAC. Le acquisizioni non elencate nel programma e nei suoi aggiornamenti non potranno ricevere alcuna forma di finanziamento da parte di pubbliche amministrazioni
Art. 1, comma 505

Viene rafforzato dell’obbligo di effettuare gli acquisti di beni e servizi informatici tramite la Consip
Art. 1, comma 512-517

 Decreto Milleproroghe  >> vai al testo completo

L’articolo 7 del decreto-legge 210/2015 prevede proroghe in materia di normative a riguardo di requisiti tecnici e economici per la partecipazione a gare d’appalto e lavori pubblici.
Inoltre:
– prorogata al 1° gennaio 2017 l’entrata in vigore della norma sulla pubblicazione telematica di avvisi e bandi di gara;
– prorogato al 31 dicembre 2016 il termine per l’utilizzo delle risorse in materia di edilizia scolastica:
– prorogato al 31 luglio 2016 l’anticipazione del 20% del prezzo negli appalti di lavori.

 Collegato ambientale >> Atto Camera: 2093-B

La legge prevede diverse modifiche al codice degli appalti in materia di:
– certificazione ambientale e riduzione della cauzione provvisoria;
– criteri ambientali minimi;
– elementi “verdi” nell’offerta economicamente più vantaggiosa;
– integrazione dei bandi tipo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *