Questo articolo è stato letto 1.932 volte

Legge di Bilancio 2018: gli emendamenti di particolare interesse per gli Enti locali

Legge di Bilancio 2018

Sono stati resi noti alcuni emendamenti presentati alla Commissione bilancio della Camera dei deputati alla data del 11 dicembre 2017 nei confronti della Legge di Bilancio 2018.

“Abbiamo fatto una prima scrematura dei 6000 emendamenti che erano stati presentati – ha spiega il presidente della Commissione Bilancio della Camera Francesco Boccia, che è anche relatore della legge di Bilancio -, l’ultimo miglio nella giornata di oggi, quando arriveremo ai famosi 820”. Mentre in Aula per l’ok finale si andrà invece il 19 dicembre. La prima valutazione, ha spiega ancora Boccia, non è stata di merito, quanto piuttosto di legittimità e di opportunità: “Siamo a fine legislatura, e la tendenza è a far entrare nella Legge di Bilancio le riforme che non sono riuscite a vedere la luce, da quelle sul processo civile ai vitalizi alle misure sullo sport: sono cose sacrosante, ma non è questa la loro collocazione. Già al Senato è stato inserito un altro testo oltre a quello del governo: non voglio certo fare una manovra a tre teste». Sono spariti pertanto anche gli emendamenti per la riforma di INPS e INAIL: « Il governo ha deciso di non scegliere: un’altra occasione mancata”, commenta però polemico il presidente della Commissione Lavoro Cesare Damiano. Per la stessa ragione, vengono ritirate anche le norme sulla riforma della governance del Coni, nell’auspicio però che il Senato riesca però nel frattempo ad approvare il relativo disegno di legge, altrimenti ci potrebbe essere un nuovo tentativo di “travaso” nella Legge di Bilancio.

Qui di seguito sintetizziamo alcuni emendamenti di particolare interesse per gli Enti locali.

Pagamenti ai fornitori

In considerazione delle difficoltà degli enti locali nel rispetto dei tempi medi di pagamento, anche al fine di evitare il pagamento di interessi moratori che porterebbero ad compromettere il successivo rispetto dei tempi di pagamento, è stato presentato alla Commissione il seguente emendamento:

Al decreto legislativo 9 ottobre 2002, n.  193, per l’integrale recepimento decreto legislativo 9 novembre 2012, n. della direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, a norma dell’articolo 10, comma 180, sono apportate le seguenti 1, della legge 11 novembre 2011, n. modificazioni…

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *