Questo articolo è stato letto 249 volte

I dati sulle società partecipate del settore pubblico

I dati sulle società partecipate del settore pubblico

Società partecipate: attraverso un comunicato emesso il 24 ottobre 2017 l’IFEL rende noto che i dati presentati dall’ISTAT, relativi all’anno 2015, hanno fatto registrare un segno meno (-2,1%) per ciò che concerne il numero delle aziende interessate da una partecipazione pubblica, ma allo stesso sono aumentate le persone impiegate (+4,3%). I campi dove l’impegno pubblico è più massiccio riguarda i settori dell’energia, delle infrastrutture e dei servizi avanzati.

I dati contenuti nel report ISTAT

Come si può desumere dal report ISTAT denominato Le partecipate pubbliche in Italia (Anno 2015), i settori con il maggior numero di imprese partecipate attive sono le attività professionali, scientifiche e tecniche (vi opera il 14,3% delle partecipate e il 3,2% degli addetti) e il settore del trasporto e magazzinaggio (rispettivamente con il 10,6% e 38,1%).
Le imprese ove sia presente almeno un Ente locale (regionale o comunale) sono calate del 12,5% rispetto alla precedente rilevazione che è del 2015. Ovviamente anche le persone impiegate sono calate per circa il 12% (-46.847).

Utili di esercizio e perdite

Nonostante nell’opinione pubblica sia presente l’idea di un servizio pubblico perennemente poco produttivo, i dati ISTAT ci segnalano che le imprese a partecipazione pubblica godono di un livello di produttività, in termini di valore aggiunto per addetto, che è superiore del 50% circa rispetto a quelle senza nessuna presenza pubblica.
Ed ancora da questi numeri emerge che il 76,5% delle controllate pubbliche ha prodotto un utile di esercizio, mentre il restante una perdita. Nel 2015 le perdite delle società a partecipazione pubblica per circa 3 miliardi e 800 milioni di euro (con una flessione di 738 milioni rispetto al 2014) con degli utili per oltre 10 miliardi e 600 milioni di euro (-107 milioni circa rispetto al 2014). Il saldo finale del 2015, rispetto all’anno precedente, evidenzia con un saldo complessivo positivo di circa 6 miliardi e 800 milioni di euro.
Come si legge nel report “se si osservano le sole imprese controllate da soggetti pubblici, si individuano 4.249 imprese a controllo pubblico, per un totale di 621.926 addetti; tra di esse è possibile distinguere 2.807 imprese appartenenti a gruppi con al vertice una amministrazione pubblica che occupano 545.085 addetti. Le rimanenti 1.442 imprese, con 76.840 addetti, fanno invece riferimento a gruppi con al vertice una pluralità di amministrazioni pubbliche, che esercitano il controllo in modo congiunto oppure sono singole imprese il cui capitale è controllato in modo congiunto da più amministrazioni pubbliche. Nel 2015 Il numero di imprese a controllo pubblico è diminuito del 5,9% rispetto al 2014, il numero di addetti si è ridotto del 4,1%”.

>> CONSULTA IL REPORT DELL’ISTAT SULLE PARTECIPATE PUBBLICHE IN ITALIA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *