Questo articolo è stato letto 1 volte

Decreto Enti Locali: la scadenza dei termini per l’accesso al Fondo per contenziosi (calamità o cedimenti)

Si rammenta che entro 15 giorni dall’entrata in vigore del “Decreto Enti Locali” (decreto legge 24.6.2016, n. 113) i Comuni dovranno comunicare, esclusivamente con modalità telematiche individuate dal Ministero dell’interno, che saranno rese pubbliche nei prossimi giorni, la sussistenza dei requisiti per l’accesso al Fondo per contenziosi connessi a sentenze esecutive relative a calamità o cedimenti istituito con l’art. 4 del decreto legge in questione. Per gli anni 2017-2019 la comunicazione dovrà essere presentata entro il 31 marzo di ciascun anno. Il Fondo ha una dotazione di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2016 al 2019.

Le risorse sono attribuite ai comuni che, a seguito di sentenze  esecutive  di risarcimento conseguenti a calamità naturali o cedimenti strutturali, o ad accordi  transattivi  ad  esse collegate, sono obbligati a sostenere spese di ammontare complessivo superiore al 50  per cento della spesa corrente sostenuta, come risultante dalla media degli  ultimi tre  rendiconti approvati.

Ciascuna richiesta sarà soddisfatta nella misura massima dell’80%. Nel caso in cui l’ammontare complessivo delle richieste sia superiore alla dotazione annua del Fondo, questo verrà ripartito proporzionalmente. Nel caso in cui sia inferiore, le eccedenze confluiranno nelle disponibilità dell’anno successivo.

La ripartizione avverrà con DPCM su proposta del Ministro dell’interno e di concerto con il Ministro dell’economia e finanze, sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali, entro novanta giorni dal termine di invio delle richieste
Il decreto recepisce parzialmente una norma richiesta dall’ANCI finalizzata a prevenire il rischio di dissesto per i Comuni che si trovino a dover sostenere spese a seguito di sentenze esecutive di condanna per fatti non prevedibili o comunque non ascrivibili alla responsabilità delle amministrazioni. L’ANCI aveva infatti chiesto, quale requisito per l’accesso al Fondo, una soglia di incidenza degli oneri da sentenza sulla entrate correnti medie più bassa (30 per cento invece che il 50 indicato nel decreto) e una casistica più ampia. L’auspicio è che le proposte possano trovare accoglimento in fase di conversione del decreto legge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *