Questo articolo è stato letto 25 volte

Sostegno all’inclusione attiva (SIA) e misure strutturali per il contrasto alla povertà

SIA e misure strutturali per il contrasto alla povertà

Il sostegno all’inclusione attiva (SIA), operativo dallo scorso mese di settembre (di cui al decreto interministeriale del 26 maggio 2016) e il disegno di legge delega previsto dalla Legge di Stabilità 2016, che prevede l’adozione – per la prima volta in Italia – di una misura universale e strutturale per il contrasto alla povertà (il REI) di cui il SIA viene considerato un provvedimento-ponte attualmente all’esame del Senato, sono misure che rappresentano un grande salto di qualità rispetto al passato nella lotta alla povertà assoluta. A confermarlo è Legautonomie (Associazione autonomie locali)
Esse prevedono un impegno finanziario di un miliardo di euro nel 2017 e 1,5 miliardi dal 2018, finalizzati a percorsi di attivazione sociale e lavorativa dei beneficiari.

Il SIA consente a una parte delle famiglie in povertà di poter beneficiare di un sussidio economico, elargito per un anno, insieme a un progetto personalizzato di inserimento sociale e lavorativo per i componenti del nucleo familiare. Le linee guida per la predisposizione e l’attuazione della presa in carico del SIA sono state approvate in sede di Conferenza unificata lo scorso mese di febbraio e prevedono per i Comuni e gli ambiti territoriali funzioni di grande complessità, fondamentali per il buon esito della misura. Un elemento centrale per le politiche di contrasto alla povertà è rappresentato dal potenziamento e dalla qualificazione dei servizi, soprattutto a livello comunale e di ambito. Allo scopo, è previsto un finanziamento con risorse del primo programma operativo nazionale per l’inclusione sociale (Pon inclusione), cofinanziato dal fondo sociale europeo. Si tratta di oltre un miliardo di euro, da assegnare a Comuni e ambiti, mediante “Avvisi non competitivi” definiti dall’autorità di gestione in collaborazione con le Regioni, che potranno aggiungere risorse proprie, utilizzando i programmi operativi regionali (POR).

>> Consulta il documento di approfondimento redatto da Legautonomie intitolato “La lotta contro la povertà in Italia”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>