Questo articolo è stato letto 608 volte

Decreto Fiscale approvato in via definitiva alla Camera

Decreto Fiscale

L’ok definitivo dell’aula della Camera alla conversione in legge del cosiddetto Decreto Fiscale (decreto legge 16 ottobre 2017, n. 148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili) è giunto giovedì scorso con 237 voti favorevoli, 156 contrari e tre astenuti. Precedentemente l’assemblea di Montecitorio aveva dato l’ok alla questione di fiducia sul provvedimento con 284 sì, 162 no e una sola astensione.
Il provvedimento approvato giovedì è lo stesso licenziato dal Senato il 16 novembre: il testo è stato blindato al suo arrivo alla Camera: tra le motivazioni che hanno orientato la decisione, l’approssimarsi delle prime scadenze fiscali previste dal provvedimento.
Tra le principali novità si allineano le seguenti materie: estensione della rottamazione delle cartelle esattorialisplit payment, stop alle bollette ogni 28 giorni, definizione del c.d. equo compenso.

Equo compenso e riconoscimento economico proporzionato

Con specifico riferimento a quest’ultimo tema, viene esteso a tutti i professionisti, anche se non appartenenti ad un ordine, il riconoscimento economico “proporzionato” al lavoro svolto. Un principio che anche la Pubblica Amministrazione è tenuta a riconoscere. Va sottolineata tuttavia la bocciatura senza appello da parte dell’Antitrust per le norme sull’equo compenso. In una segnalazione ai presidenti delle Camere ed al premier, il Garante ha sottolineato che l’equo compenso “in quanto idoneo a reintrodurre un sistema di tariffe minime, peraltro esteso all’intero settore dei servizi professionali, non risponde ai principi di proporzionalità concorrenziale” e si pone “in stridente controtendenza con i processi di liberalizzazione”che hanno riguardato anche «il settore delle professioni regolamentate». Il parere non è vincolante: tuttavia il Governo, intenzionato a far licenziare il decreto già blindato al suo arrivo in aula, non ha voluto apportare modifiche al testo nel passaggio alla Camera.

Rottamazione cartelle esattoriali

In materia di rottamazione delle cartelle esattoriali viene a modificarsi la tempistica per la definizione agevolata delle cartelle esattoriali, estesa dal Decreto Fiscale agli avvisi degli ultimi 17 anni, dal 2000 al terzo trimestre 2017. Il termine entro il quale presentare l’istanza vien traslato dal 31 dicembre 2017 al 15 maggio 2018. Il nuovo termine vale anche per i cosiddetti “ripescati”, ovverosia i contribuenti esclusi dalla prima edizione perché non in regola con le rate di piani precedenti. Slitta inoltre dal 30 novembre al 7 dicembre il termine per saldare il mancato o insufficiente pagamento delle prime due rate (oltre alla terza) della “vecchia” rottamazione

>> CONSULTA LA SCHEDA DI LETTURA DEL PROVVEDIMENTO.

>> QUI DISPONIBILI TUTTE LE NEWS SUL PERCORSO DI APPROVAZIONE DEL DECRETO FISCALE.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>