Questo articolo è stato letto 1 volte

Tremila euro di multa al sindaco perché ha potato le piante del suo Comune

Multato per aver potato delle piante, lavorando gratuitamente per quello stesso comune che è stato chiamato dagli elettori ad amministrare. «Pensavo che fare un’opera di volontariato per il mio paese fosse un gesto di generosità civica», dice con l’amaro in bocca Massimo Caravaggio, primo cittadino di Gombito, comune di 630 anime in provincia di Cremona. E invece è arrivata la burocrazia e una multa da tremila euro.  

Il motivo? Il sindaco, che si è improvvisato giardiniere per il bene della collettività, non era formato per svolgere quella mansione. Tanto è bastato all’ispettorato del lavoro per sanzionare Caravaggio e l’assessore Primaldo Sali, a seguito di una segnalazione della minoranza, inviata anche all’Azienda provinciale per i servizi sanitari e al Parco Adda Sud, l’ente che gestisce l’area naturale in cui si trova il Comune di Gombito. Un episodio che è arrivato fino all’Associazione nazionale comuni italiani, che ha scritto una lettera al ministro per gli Affari regionali, Enrico Costa, per esprimere preoccupazione per l’accaduto….

Fonte: La Stampa

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>