Questo articolo è stato letto 4 volte

Il Processo telematico tributario (PTT) approda in altre 6 Regioni

Mediante comunicato del 12 luglio 2016 il Ministero dell’economia e delle finanze ha reso noto che è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di ieri (12 luglio 2016, Serie Generale n. 161), il decreto 30 giugno 2016 del Direttore Generale delle Finanze che estende le modalità telematiche del processo tributario in altre sei Regioni italiane.
All’interno del decreto si legge che “visto l’art. 3, comma 3, del citato decreto ministeriale 23 dicembre 2013, n. 163, il quale dispone che con uno o piu’ decreti del Ministero dell’economia e delle finanze sono individuate le regole tecniche-operative per l’uso di strumenti informatici e telematici nell’ambito del processo tributario”.
Il PTT, già operativo in Toscana ed Umbria, sarà attivabile per gli atti processuali e i ricorsi notificati a partire dalle seguenti date:

– 15 ottobre 2016 per le Commissioni tributarie presenti nelle regioni Abruzzo e Molise;
– 15 novembre 2016 per le Commissioni tributarie presenti nelle regioni Piemonte e Liguria;
– 15 dicembre 2016 per le Commissioni tributarie presenti nelle regioni Emilia-Romagna e Veneto.

Il portale dedicato www.giustiziatributaria.gov.it consentirà di accedere al sistema informativo della Giustizia Tributaria (SIGIT) per il deposito telematico degli atti e documenti processuali.

Ricordiamo che il processo tributario telematico è una realtà dal 1° dicembre 2015. Con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale del 10 agosto 2015, numero 184, del decreto del Direttore Generale delle Finanze, 4 agosto 2015, sono state infatti definite le regole tecniche che le parti che intendono costituirsi con modalità telematica debbono rispettare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *