Questo articolo è stato letto 393 volte

Fruizione resti facoltà assunzionali: il dubbio applicativo

Fruizione resti facoltà assunzionali

Assume ampio rilievo per gli Enti locali la deliberazione della Sezione Sardegna della Corte dei conti datata 28 settembre 2017, n. 70 in materia di modalità di calcolo dei resti della capacità assunzionale in ambito locale.

In ragione del contrasto interpretativo, i magistrati contabili della Sardegna hanno infatti rimesso la questione di massima alla Sezione Autonomie, affinché sia stabilito se i resti delle facoltà assunzionali di cui all’art. 3, comma 5, del decreto legge 90/2014, possano essere usufruiti nella misura prevista nell’anno in cui si sono generati, oppure se anche ad essi debbano essere applicate le percentuali del turn over vigenti nell’anno in cui vengono utilizzati per effettuare nuove assunzioni.

I magistrati sardi attraverso la deliberazione hanno rilevato un contrasto interpretativo chiedendo di conseguenza un’analisi approfondita al fine di avere un orientamento uniforme sulle corrette modalità di quantificazione del budget assunzionale dei Comuni sopra i mille abitanti. Il quesito posto da un Comune mette in evidenza la problematica: se un Ente locale nel 2015 ha calcolato la propria capacità assunzionale al 100% della spesa dei cessati dell’anno 2014, oggi (nel 2017) questa capacità va ricalcolata con le percentuali vigenti ora oppure si utilizza il budget già quantificato e non ancora utilizzato?

>> CONSULTA LA DELIBERAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI, SEZ. SARDEGNA, 28 SETTEMBRE 2017, n. 70.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *