Questo articolo è stato letto 0 volte

Verbali incompleti nel cestino

Non vale la multa notificata per posta e priva di indicazioni sulla data, l’ora e la località dell’avvenuta infrazione stradale. Lo ha chiarito la Corte di cassazione, sez. II civ., con la sentenza n. 13733 dell’8 giugno 2010. Un conducente è stato identificato dal vigile urbano mentre circolava parlando al telefonino e senza fare uso della cintura di sicurezza. L’agente, impegnato in altro servizio, non ha potuto procedere alla contestazione immediata formale dell’infrazione ma si è limitato a informare il trasgressore notificandogli successivamente la multa omettendo però di completare il verbale con la data, l’ora e la località dell’accertamento. A parere del giudice di pace queste irregolarità non invalidano il verbale. La cassazione è di contrario avviso. In tema di circolazione stradale, specifica la sentenza, «è invalido, perché non sufficientemente specifico, il verbale notificato all’autore materiale dell’infrazione che contenga il solo riferimento alla violazione commessa ed al tipo e alla targa del veicolo, ma che sia assolutamente privo di qualsiasi indicazione con riguardo al giorno, all’ora e alla località nei quali detta violazione è avvenuta».

Continua a leggere su: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>