Questo articolo è stato letto 2 volte

Sanità con il fascicolo elettronico

Il fascicolo sanitario elettronico scalda i motori. Il nuovo archivio informatico, tenuto dalle regioni, in cui troveranno posto tutti i dati relativi agli eventi clinici degli assistiti (cure, ricoveri, operazioni ecc.) sarà presto realtà. A scandire la tabella di marcia è uno schema di disegno di legge delega esaminato ieri dal pre-consiglio dei ministri e pronto per essere varato definitivamente domani da palazzo Chigi (sulla G.U. n. 50 del 2/3/2011, s.o. n. 60, sono state pubblicate le linee guida governo-regioni sul fascicolo sanitario elettronico). Il provvedimento fissa i requisiti minimi di privacy che il fascicolo dovrà avere, stabilendo che la consultazione dei dati non possa avvenire senza il consenso dell’assistito, salvo i casi di emergenza. Le regioni e le province autonome avranno sei mesi di tempo, da quando la delega diventerà legge, per individuare (sentita la Conferenza stato-regioni e acquisito il parere del Garante privacy) le specifiche tecniche del fascicolo: contenuti, garanzie e misure di sicurezza nel trattamento dei dati, modalità d’accesso, attribuzione di un codice identificativo univoco per gli assistiti. Il fascicolo dovrà essere a costo zero e non dovrà determinare maggiori oneri a carico delle finanze pubbliche. Novità in arrivo anche sul fronte della sicurezza delle cure. Le strutture sanitarie dovranno essere trasparenti nel comunicare al ministero della salute i casi di malasanità da cui siano derivati eventi avversi. E dovranno adottare forme di risk management (anche queste a costo zero perché dovranno essere svolte «con le risorse umane, finanziarie e strumentali a disposizione»), per prevenire gli errori in corsia. Spazio anche alla formazione per «diffondere la cultura della sicurezza delle cure». Una parte significativa dello schema di ddl riguarda la delega al governo per il riordino delle professioni sanitarie. Su proposta del ministro della salute, Ferruccio Fazio, l’esecutivo avrà un anno di tempo per operare il restyling della disciplina degli albi, degli ordini e delle federazioni nazionali di medici chirurghi, odontoiatri, farmacisti e medici veterinari. L’iscrizione agli albi sanitari sarà obbligatoria per i dipendenti pubblici. I medici dovranno necessariamente dotarsi di una copertura assicurativa per la responsabilità professionale. Gli odontoiatri avranno un proprio Ordine, ma saranno salvaguardati i diritti acquisiti dai professionisti nel corso della permanenza negli albi dei medici chirurghi. La delega scommette molto sulla formazione e l’aggiornamento e punta a estendere le sanzioni disciplinari agli iscritti agli albi sanitari in qualsiasi ambito svolgano la loro attività, compreso quello societario. E ancora, gli ordini che abbiano un numero di iscritti superiore a 2 mila dovranno assicurare piena accessibilità al voto e tutela delle minoranze. In materia di ricerca, lo schema di ddl prevede che a decorrere dal 2010 il 10% dei finanziamenti venga destinato, senza costi per le finanze dello stato, a progetti presentati dal ricercatori sotto i 40 anni. Si stabilisce inoltre che i direttori scientifici degli Istituti di ricovero e cura possano scegliere di avere un rapporto di lavoro non esclusivo con le strutture di appartenenza. Ma in questo caso andranno incontro alla decurtazione del 30% dello stipendio rispetto a chi lavora in esclusiva.

Continua a leggere su: Italia Oggi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>