Questo articolo è stato letto 164 volte

Prorogato a giugno 2018 il PAC servizi cura per infanzia e anziani

prorogato-a-giugno-2018-il-pac-servizi-cura-per-infanzia-e-anziani.jpg

È giunto l’ok ufficiale del governo alla proroga al 30 giugno 2018 concernente il completamento delle attività relative al Piano di cura per infanzia e anziani non autosufficienti (PAC), operativo dal 2015 nelle quattro regioni della cosiddetta ex convergenza (Puglia, Calabria, Sicilia, Campania).

A comunicarlo al presidente dell’ANCI Piero Fassino è stata una lettera firmata dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, in risposta ad una richiesta inviata dall’associazione lo scorso 23 giugno. Nello specifico De Vincenti informa via dei Prefetti che“secondo quanto già indicato dall’Autorità di gestione, e dal Comitato di indirizzo e sorveglianza, il Gruppo di Azione del PAC ha accolto con parere favorevole la richiesta di proroga formulata dall’Adg”. Della possibile proroga si era anche discusso in occasione della riunione del Comitato di indirizzo e sorveglianza (CIS), svoltosi giovedì 7 luglio  al Viminale.

Nel caso del Piano di cura per infanzia e anziani non autosufficienti sono stati accumulati ritardi nell’avvio del programma, nello specifico a ragione della laboriosa di istruttoria e selezione dei progetti. Va inoltre ricordato che l’intervento, inoltre, è effettivamente complesso e molto ambizioso, così come sono complesse le procedure di attuazione e rendicontazione.

L’auspicio è che ora il dilatarsi dei tempi di chiusura del Piano si trasformi in un’occasione per un suo rilancio con nel mirino vari obiettivi:
– incrementare il numero di asili nido e la copertura di bambini presi in carico;
– aumentare le ore di assistenza agli anziani non autosufficienti;
– migliorare complessivamente i servizi erogati;
– contribuire ad una ammodernamento del macchina amministrativa preposta all’erogazione dei servizi, da oggi chiamata a nuova sfide dal Governo (lotta contro la povertà, inclusione attiva, SIA, ecc.).

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>