Questo articolo è stato letto 0 volte

Missioni comunali: ritorna il rimborso

Stanno per ritornare i rimborsi a forfait per gli amministratori locali che si devono recare fuori dal capoluogo del comune ove ha sede il rispettivo ente. A ripristinarli dovrebbe essere a breve un provvedimento, concordato fra Anci, Upi e governo, che riporta in vita i rimborsi soppressi con la manovra estiva. I nuovi rimborsi, però, dovranno essere più leggeri, e non potranno superare l’80% degli importi previsti dalla disciplina in vigore fino alla manovra correttiva dello scorso maggio. Il problema nasce con l’articolo 9, comma 5 del Dl 78/2010, che ha cancellato l’indennizzo a forfait prevedendo solo il rimborso delle spese «effettivamente sostenute», secondo misure da fissare con un decreto del ministero dell’Economia. Il provvedimento attuativo, però, non è ancora stato predisposto, e lo stop alla vecchia disciplina accompagnato dall’assenza della nuova ha di fatto bloccato il meccanismo dei rimborsi. Di qui l’accordo fra le associazioni degli enti locali e il governo per re-introdurre, almeno nelle more dell’adozione del decreto, i vecchi indennizzi, tagliati però del 20 per cento. Le misure di riferimento sono quelle previste dal decreto del Viminale del 12 febbraio 2009, che prevedeva 35 euro per le missioni brevi senza pernottamento e fino a 230 euro al giorno per quelle con pernottamento.

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>