Questo articolo è stato letto 0 volte

Milleproroghe: tutte le misure, dagli sfratti alla web tax

milleproroghe-tutte-le-misure-dagli-sfratti-alla-web-tax.jpg

Dalla web tax agli sfratti, dagli incroci tv-giornali al bonus mobili, dalla gestione delle emergenze all’expo 2015. Il decreto milleproroghe varato sabato scorso dal Governo contiene molte misure, alcune delle quali, come quella sugli sfratti, di immediato interesse per le famiglie. Ecco le principali. 

SFRATTI: Lo stop e’ di sei mesi, ma non per tutti. Solo per gli inquilini con meno di 21.000 euro di reddito familiare, residenti nei comuni capoluoghi di provincia, nei comuni limitrofi con oltre 10.000 abitanti e nei comuni ad alta tensione abitativa. Anche per chi ha anziani, malati terminali o portatori di handicap (con invalidità superiore al 66%) a carico. Contro la norma si è scagliata oggi l’Unione inquilini, secondo cui “il governo ha mostrato tutta la sua crudeltà sociale”, sia perché la proroga è considerata troppo breve, sia perché non viene estesa alla morosità incolpevole, che secondo l’associazione “è responsabile del 90% delle nuove sentenze di sfratto”. 

WEB TAX E FISCO: l’entrata in vigore della contestata ‘tassa su Internet’ è posticipata al 1° luglio 2014. La Legge di Stabilità aveva indicato il 1° gennaio 2014 come la data a partire dalla quale la misura, attraverso la quale si impone alle multinazionali del Web di avere partita Iva italiana per vendere pubblicita’ in Italia, sarebbe entrata in vigore ma il governo, forse anche in seguito alle molte polemiche, ha deciso di dare le aziende altri sei mesi di tempo per adeguarsi. La proroga, in ogni caso, non placa il M5S, secondo cui la Web Tax è contraria al diritto comunitario e dunque il movimento di Grillo farà ricorso. Nel capitolo fisco rientrano anche le novità sul bonus mobili (le detrazioni fiscali sono concesse per gli arredi degli immobili in ristrutturazione anche se l’importo complessivo supera il valore dei lavori), quelle sui tabacchi (il Mef potrà stabilire modificazioni, nella misura massima dello 0,7%, delle aliquote di accisa e di imposta di consumo che gravano sui prodotti da fumo e loro succedanei) e la concessione ai residenti dei Comuni sardi alluvionati nel novembre 2013 delle proroghe negli adempimenti fiscali che ricalcano quelli già concessi per il terremoto dell’Emilia. 

EMERGENZE, DA CONCORDIA A TERREMOTO IRPINIA: il decreto assicura una vita più lunga alla gestione commissariale della Costa Concordia, al completamento dell’attività del commissario per interventi infrastrutturali nelle zone colpite dal terremoto del 1980, alla gestione liquidatoria in favore della città di Palermo, agli incentivi per l’attivazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili nelle zone colpite dal sisma in Emilia, alla sorveglianza delle Forze Armate all’Aquila. 

SALVA-ROMA E SALVA COMUNI: la misura, che riguarda i rapporti tra Roma Capitale e gestione commissariale, autorizza l’amministrazione capitolina a riversare nella gestione commissariale fino a 115 milioni di euro di debiti anteriori al 28 aprile 2008. Roma Capitale, inoltre, potrà riacquisire l’esclusiva titolarità dei crediti e potrà avvalersi di appositi piani pluriennali per il rientro dal crediti verso le proprie partecipate. Risorse anche per il “Patto per Roma per la raccolta differenziata”. Vengono sbloccati fondi, nel limite di 6 milioni di euro per il 2013, 6,5 milioni di euro per il 2014, e 7,5 milioni di euro per il 2015. Sempre in tema enti locali, il decreto prevede la riduzione delle sanzioni per i Comuni che non hanno rispettato il Patto di Stabilità. 

INFRASTRUTTURE E TRASPORTI: si va dalle norme per favorire l’attuazione da parte del commissario straordinario del piano di rientro del disavanzo accertato in materia di trasporto pubblico locale in Campania, alla possibilità per il Tesoro di anticipare all’Anas (che da tempo lamenta ritardi nei versamenti da parte dello Stato) le risorse disponibili per il 2013 per far fronte ai pagamenti dovuti sulla base degli stati d’avanzamento lavori. Fino alle norme per la prosecuzione degli interventi sulla rete ferroviaria e all’autorizzazione al Mef a corrispondere a Trenitalia le somme previste per l’anno 2013, in relazione agli obblighi di servizio pubblico di trasporto ferroviario esercitati nella Regione Sicilia. 

EXPO 2015. Per l’anno 2013 è attribuito al Comune di Milano un contributo di 25 milioni di euro a titolo di concorso al finanziamento delle spese per la realizzazione di Expo 2015. LSU: Dal 1° luglio 2014 sarà possibile la stabilizzazione, a carico delle Regioni, dei lavoratori socialmente utili. 

AFFITTI D’ORO P.A.: le amministrazioni pubbliche potranno recedere dai contratti di locazione passiva entro il 30 giugno. 

TASSA DA SBARCO PER ISOLE MINORI: Un’imposta da applicare fino a un massimo di 2,50 euro ai passeggeri che sbarcano sul territorio di un’isola minore, utilizzando compagnie di navigazione che forniscono collegamenti di linea o imbarcazioni che svolgono trasporto di persone a fini commerciali.

DIVIETO TV-GIORNALI: divieto di acquisizione di partecipazioni in imprese editrici di giornali quotidiani per i soggetti che esercitano l’attività televisiva in ambito nazionale con ricavi superiori a quelli fissati dalla norma relativa.

(Fonte: Ansa)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>