Questo articolo è stato letto 1 volte

MFE: “bene rapporto PE su finanza innovativa”

Il Movimento Federalista Europeo (MFE), in un comunicato stampa, sottolinea l’importanza del voto del Parlamento europeo che ha approvato il “Rapporto su una finanza innovativa a livello mondiale ed europeo” nonche’ l’emendamento che invita ad applicare la prevista TTF (tassa sulle transazioni finanziarie) come primo passo in Europa, qualora fosse impossibile farlo immediatamente a livello mondiale. I federalisti europei sottolineano come il Parlamento europeo abbia indicato con chiarezza la via della modernizzazione del sistema fiscale, che dovrà, d’ora in poi, privilegiare il lavoro, la sostenibilità sociale e la riconversione ecosostenibile dell’apparato produttivo.
Il MFE richiama la  Commissione europea a dar seguito alle proposte del Parlamento europeo ricordando che anche i cittadini europei, con il diritto d’iniziativa riconosciuto dal Trattato di Lisbona, potranno incalzare la Commissione, che sarà poi giudicata dagli elettori alle prossime elezioni europee.
Il MFE sostiene il rapporto approvato dal Parlamento Europeo e, in particolare, l’emissione di Union Bond con alcune precisazioni:

  1. Il gettito della TTF e della tassa sul carbonio, nella misura in cui è un contributo fiscale europeo e non nazionale, deve essere devoluto in misura almeno pari al 50 percento al bilancio dell’UE in sostituzione ed eliminazione dei contributi nazionali. Il bilancio dell’UE deve essere finanziato interamente da risorse proprie europee.
  2. I prelievi sulle banche devono servire a finanziare non solo i fondi nazionali di risoluzione delle crisi, ma anche un fondo europeo, perché il mercato bancario e finanziario è talmente integrato che, se si vuole evitare una nuova crisi finanziaria, non è possibile intervenire con efficacia solo al livello nazionale.
  3. E’ vero che gli aiuti allo sviluppo dell’UE sono il 56 percento del totale mondiale, ma sono nella stragrande maggioranza aiuti nazionali, spesso malamente gestiti. Gran parte di questi aiuti deve essere affidata all’UE, per piani collettivi di aiuti integrati di interi continenti – come ha potuto fare l’Europa con il Piano Marshall. I recenti avvenimenti in Nord Africa dimostrano che l’Europa dovrebbe offrire un sostanziale Piano per la democrazia e lo sviluppo del Mediterraneo, affidando alla Commissione il compito di ’’Parlare con una sola voce’’ a questi popoli.
  4. I partiti che intendono proporre progetti per una crescita e per l’occupazione in Europa devono denunciare con coraggio l’insufficienza dell’attuale bilancio dell’UE, ormai congelato all’1% del PIL comunitario. Il bilancio dell’UE deve essere aumentato. Se le risorse europee sono inadeguate, un piano di sviluppo si deve basare sui bilanci nazionali. Il fallimento della Strategia di Lisbona non dovrebbe essere dimenticato. L’Unione europea verrà percepita dai cittadini europei come una Unione politica, e non come una burocrazia, quando i partiti europei avranno il coraggio di dire agli elettori quanto costa il finanziamento delle politiche europee e come verranno impiegate queste risorse. La trasparenza e la responsabilità sono due principi fondamentali della democrazia, sia essa nazionale od europea.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>