Questo articolo è stato letto 0 volte

“Mettiamoci la faccia”: 230 le p.a. che hanno aderito alla sperimentazione

Il mese di giugno ha rappresentato una tappa significativa per “Mettiamoci la faccia”, il sistema di rilevazione della soddisfazione dei cittadini tramite le emoticon voluto dal Ministro Renato Brunetta.
La seconda Convention del progetto di sperimentazione, tenutasi a Roma lo scorso 22 giugno, ha infatti stimolato la partecipazione delle Università, anche grazie alla collaborazione avviata con la CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane). Dopo lo IULM di Milano, la rilevazione sta per essere avviata in  altre cinque Università (Bari, della Calabria, Cassino, Foggia, L’Aquila).
Rilevanti le novità anche sul fronte dei piccoli Comuni. Con la sottoscrizione dei piani da parte delle amministrazioni aderenti alle Comunità Montane dell’Aniene e dell’Ufita nonché dei Comuni di Castelmassa (RO), Cossoine (SS), Nurri (NU) e Talamona (SO), sono ormai 50 le nuove adesioni registrate in questo mese. Inoltre, nei primi giorni di luglio è stata firmata la convenzione tra il DAR e la Provincia di Brescia per il finanziamento del progetto ELISTAT, che prevede l’adozione delle emoticon in 1600 piccoli Comuni.
Hanno formalizzato il Piano di sperimentazione anche la Provincia di Napoli, la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno e la Larc Spa di Torino. Sono così oltre 230 le pubbliche amministrazioni che hanno aderito finora a “Mettiamoci la faccia”.
Infine, nel mese di giugno, Aci ha completato l’estensione della rilevazione a tutti i propri uffici provinciali; i Comuni di Arese (MI), Brozolo (TO), Chieri (TO), Sona (VR), Tarvisio (UD), Urbana (PD) hanno avviato la rilevazione; i Comuni di Pieve di Cadore (BL), Castelplanio (AN), Saccolongo (PD), Trecate (NO), Venezia (VE) hanno sottoposto a giudizio degli utenti nuovi servizi. Nel complesso, gli uffici aperti al pubblico dotati di emoticon sono più di 350; gli sportelli con le ‘faccine’ hanno superato la soglia dei 1.300.
La risposta dei cittadini continua a crescere: le valutazioni raccolte nel mese di giugno sono oltre 400mila (nuovo record mensile), portando il totale a oltre 3 milioni. I tassi di partecipazione si mantengono significativi. Le faccine verdi continuano, infine, ad essere largamente prevalenti in tutti i canali (91% per gli sportelli, 77% per il telefono, 78% per il web).

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>