Questo articolo è stato letto 0 volte

In Ue Italia 16a per consumi natura

Nell’ambito dell’Unione europea, l’impronta ecologica dell’Italia si piazza al sedicesimo posto rispetto ai 24 paesi che superano il milione di abitanti e in linea con la media dei 27 Stati membri. Ma se tutti gli abitanti della Terra vivessero come il mezzo milione di abitanti dell’Unione europea, cioé circa il 7% della popolazione mondiale, sarebbe necessario non un Pianeta solo, ma quasi tre (2,8). Essendo poi al penultimo posto in termini di risorse naturali pro capite a disposizione, l’Italia diventa automaticamente un grande “debitore ecologico”.

A fornire il quadro è il Living Planet Report 2010 del Wwf, dove per impronta ecologica si intende la domanda dell’uomo rispetto alla natura, dove pesano molto le emissioni di CO2. La biocapacità invece indica la capacità di produrre le risorse primarie e catturare le emissioni di gas serra e quindi a ripianare il “debito ecologico”. Solo quattro paesi europei, che sono Estonia, Finlandia, Lettonia e Svezia, nonostante siano fra i primi dieci dell’Ue rispetto ai consumi di risorse naturali, hanno una biocapacità tale al momento da riuscire a compensarli.

Ecco una classifica Ue, sulla base dei dati del 2007, dove biocapacità e impronta ecologica sono intesi in ettari globali pro capite:

1 – DANIMARCA 4,63 4,9 8,3
2 – BELGIO 4,48 1,3 8
3 – ESTONIA 4,41 9 7,9
4 – IRLANDA 3,52 3,5 6,3
5 – OLANDA 3,47 1 6,2
6 – FINLANDIA 3,45 12,5 6,2
7 – SVEZIA 3,29 9,7 5,9
8 – REPUBBLICA CECA 3,21 2,7 5,7
9 – LETTONIA 3,16 7,1 5,6
10 – SPAGNA 3,04 1,6 5,4
11 – GRECIA 3,02 1,6 5,4
12 – SLOVENIA 2,97 2,6 5,3
13 – AUSTRIA 2,97 3,3 5,3
14 – GERMANIA 2,85 1,9 5,1
15 – FRANCIA 2,81 3 5
16 – ITALIA 2,79 1,1 5
17 – GRAN BRETAGNA 2,74 1,3 4,9
18 – LITUANIA 2,61 4,4 4,7
19 – PORTOGALLO 2,5 1,3 4,5
20 – POLONIA 2,43 2,1 4,3
21 – BULGARIA 2,28 2,1 4,1
22 – SLOVACCHIA 2,27 2,7 4,1
23 – UNGHERIA 1,67 2,2 3
24 – ROMANIA 1,51 2 2,7
MEDIA UE A 27 2,8 2,2 5.*

*Nell’analisi dei singoli paesi Lussemburgo, Malta e Cipro non vengono considerati perché sotto 1 milione di abitanti, nella media Ue invece sono conteggiati.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>