Questo articolo è stato letto 57 volte

“Il debito dei Comuni è solo 1,8% di quello pubblico: ora agire su nuove regole dei bilanci”

ANCI, debito: nuove regole per i bilanci

“Il debito dei Comuni è pari ad appena 40 miliardi e corrisponde all’ 1,8% dell’ intero debito pubblico”. A precisarlo è il presidente dell’ANCI Antonio Decaro in un’intervista rilasciata venerdì al quotidiano torinese La Stampa. Né desta particolare allarme, tiene a sottolineare Decaro, il quadro degli Enti in dissesto o predissesto: “Sono giustamente allarmati i sindaci che ereditano dal passato situazioni pesanti e le varie comunità locali, ma si tratta pur sempre di 260 Enti su un totale di 8mila”, rammenta Decaro. Oggi, rispetto al passato, “non sarebbe neanche possibile per un Comune fare gestioni allegre” ma è altrettanto vero, sostiene il presidente dell’ANCI, che “per un piccolo Comune basta poco per andare in dissesto. Basta anche solo una sentenza passata in giudicato che lo obbliga pagare una certa somma: anche se è piccola crea uno scompenso e porta al predissesto”.

Necessario agire su nuove regole per i bilanci locali

Del resto, “ormai i recuperi di efficienza li abbiamo fatti tutti e coi tagli che abbiamo subito non ci sono più margini. Tra il 2011 ed il 2015 abbiamo perso ben 11 miliardi”, dice Decaro. Ora che i tagli sono finiti, rimangono comunque grosse limitazioni: “Il blocco della leva fiscale e le nuove regole sull’armonizzazione dei bilanci che, per quanto si tratti di una scelta positiva, ci hanno creato problemi: siamo stati obbligati ad accantonare somme progressivamente sempre più alte nel cosiddetto fondo crediti di dubbia esigibilità, erodendo spesa corrente e quindi servizi. Il primo anno dovevamo mettere da parte il 35% dei fondi che pensavano di recuperare, poi il 50 e adesso arriveremo al 75 e alla fine dovremo coprire il 100% e allora per noi sarà il colpo finale”.

Leggi anche l’articolo Comuni in dissesto o sotto tutela: “Norme da rivedere”.

Debito: le soluzioni individuate dall’ANCI

Le soluzioni, d’altro canto, sono già state individuate dall’Associazione dei Comuni, che continua a chiedere tra l’altro “la ricontrattazione dei mutui dei Comuni, così come è stato consentito di fare alle Regioni”. In vista della nuova Legge di Bilancio, inoltre, l’ANCI tornerà a ribadire la necessità “di allentare la progressione delle aliquote del fondo crediti di dubbia esigibilità e di sospendere il meccanismo di perequazione, perché se non ci sono a disposizione nuove risorse penalizza troppo i Comuni che perdono trasferimenti. Per gli enti in dissesto e predissesto invece – conclude il numero uno dell’ANCI – chiediamo di poter ripianare i disavanzi in 30 anni e di poter fare transazioni con l’erario e l’INPS. Lo si consente ai privati perché non devono poterlo fare anche loro?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *