Questo articolo è stato letto 0 volte

Dieci giorni per certificare la «stabilità»

Comuni e province hanno dieci giorni di tempo per trasmettere al ministero dell’Economia la certificazione sul rispetto del patto di stabilità nel 2010, firmata dal rappresentante legale (sindaco o presidente) e dal responsabile del servizio finanziario. Il decreto ministeriale con i prospetti per la certificazione è stato firmato ieri e diffuso sul sito Internet della ragioneria generale dello stato. Chi non rispetterà i tempi fissati dalla legge incorrerà nella nuova super-sanzione, che azzera i trasferimenti erariali con l’eccezione di quelli che servono a coprire gli oneri di ammortamento dei mutui. La nuova penalità, introdotta dalla manovra estiva (articolo 14, comma 3 del Dl 78/2010), si aggiunge alle altre sanzioni previste per gli enti inadempienti, fra cui il blocco di assunzioni e indebitamento, la riduzione della spesa corrente e il taglio del 30% alle indennità degli amministratori.

Continua a leggere su: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>