Questo articolo è stato letto 0 volte

Civit: bozza delibera linee guida dei codici di comportamento delle p.a.

Pubblicata da parte della CiVIT la bozza in consultazione che definisce “Linee guida in materia di codici di comportamento delle pubbliche amministrazioni (art. 54, comma 5, d.lgs. n. 165/2001)”.

La Commissione ricorda che ai sensi del comma 5 dell’art. 54 del d.lgs. 165/2001, le linee guida sono rivolte, innanzi tutto, alle amministrazioni tenute all’adozione dei singoli codici che, in virtù dello stesso d.lgs. 165/2001 e dell’art. 2 del codice generale, corrispondono alle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del citato decreto.

Con riferimento alle regioni e agli enti locali, la Commissione si ricorda che, per quanto riguarda l’attività di vigilanza e di monitoraggio, l’art. 15, comma 6, del codice generale ha previsto che detti enti “definiscono, nell’ambito della propria autonomia organizzativa, le linee guida necessarie per l’attuazione dei principi di cui al presente articolo”. Con riferimento, infine, al termine entro il quale il codice deve essere adottato, l’intesa raggiunta in data 24 luglio 2013 in sede di Conferenza unificata ai sensi dell’art.1, commi 60 e 61 della legge n. 190/2012, ha stabilito che detti enti “adottano un proprio codice di comportamento ai sensi dell’art. 54 del d. lgs. n. 165 del 2001 entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore del codice approvato con d.p.r. n. 62 del 2013, tenendo conto della disciplina dettata da quest’ultimo” . Essendo il citato d.P.R. 62/2013 in vigore dal 19 giugno 2013 gli enti locali dovranno adottare il codice di comportamento entro il 16 dicembre 2013.

L’OIV (o Nucleo di Valutazione) è chiamato ad emettere parere obbligatorio nell’ambito della procedura di adozione del codice. A tal riguardo, l’OIV deve garantire e verificare che i dati relativi alle violazioni del codice di comportamento accertate e sanzionate, al pari di altri illeciti disciplinari, siano considerati ai fini della misurazione e valutazione della performance, con le relative conseguenze sul piano dell’attribuzione della premialità.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>