Questo articolo è stato letto 1 volte

Certificati di malattia online: i documenti trasmessi per via telematica all’INPS sfiorano quota 850.000

In tutto il Paese continua a diffondersi il nuovo sistema di trasmissione telematica all’INPS dei certificati di malattia dei lavoratori pubblici e privati. I dati ufficiali forniti dallo stesso INPS e dal Ministero dell’economia e finanze attestano infatti che il totale dei certificati trasmessi con la nuova procedura sfiora ormai le 850.000 unità e che solo nell’ultima settimana ne sono stati inviati online circa 144.000, con un flusso medio giornaliero più che triplicato rispetto a quello medio registrato nello stesso periodo di settembre.

A livello regionale, i documenti trasmessi con la nuova procedura telematica risultano così distribuiti: 392.112 in Lombardia, 91.613 nel Lazio, 60.266 in Veneto, 45.083 in Campania, 40.350 nelle Marche, 36.644 in Emilia Romagna, 33.559 in Sicilia, 21.044 nella Provincia di Bolzano, 20.238 in Abruzzo, 18.885 in Piemonte, 15.026 in Calabria, 14.124 in Toscana, 13.640 in Puglia, 9.520 nella Provincia di Trento, 8.957 in Liguria, 7.861 in Basilicata, 6.146 in Umbria, 5.971 in Sardegna, 4.103 in Valle d’Aosta, 2.479 in Molise e 1.329 in Friuli Venezia Giulia.

Resta nel frattempo stabile all’88% la media regionale dei medici di famiglia dotati delle credenziali necessarie (PIN) all’invio dei certificati. Il processo di abilitazione dei medici è sostanzialmente concluso in Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Provincia di Bolzano, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Basilicata, Campania, Puglia, Calabria e Sardegna. Progredisce invece la distribuzione dei PIN nella Provincia di Trento e in Molise (con oltre il  70% dei medici abilitati) nonché in Sicilia (67%), mentre resta ancora deficitaria in Liguria (42-43%).

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>