Questo articolo è stato letto 9 volte

Attuazione riforma PA, affiorano criticità: in arrivo un documento analitico ANCI con proposte migliorative

Valutazione positiva con riserva sul complessivo impianti di attuazione della riforma della Pubblica Amministrazione: con una puntualizzazione ben salda ed evidente. Questa la sintesi della valutazione dell’ANCI sul complessivo percorso della Riforma Madia fino ad ora. “Il giudizio sull’impianto generale della riforma della PA, così come era disegnato nella legge delega, è senz’altro positivo. Restano invece gravi criticità nel decreto attuativo della delega stessa da cui emerge con forza una questione finanziaria che ci porta a pensare che i costi della riforma saranno a carico degli enti locali, cosa questa che non possiamo accettare”. Si è espresso in questo modo il sindaco di Belluno (e presidente della Commissione Personale, Pubblica amministrazione e Relazioni sindacali) Jacopo Massaro, al termine della riunione dell’organismo ANCI svoltasi martedì pomeriggio in quel di Roma.

“A questa criticità – ha spiegato Massaro – si aggiunge quella che a nostro avviso è una visione un po’ accentratrice dell’attuazione della delega che, insieme ad altri appesantimenti procedurali, ci porta a ritenere che esiste un rischio di lesione dell’autonomia degli enti locali nei processi decisionali e quindi nell’organizzazione dell’ente e dell’attuazione dei programmi di governo”. Massaro ha inoltre riferito come “da domani la Commissione e gli uffici preposti ANCI lavoreranno al documento analitico di commento al decreto attuativo che sarà presentato al Direttivo dell’Associazione dei Comuni del prossimo 21 settembre e che sarà la base per preparare, previa discussione tra i sindaci, la posizione ufficiale dell’Associazione e le eventuali proposte di emendamenti migliorativi al provvedimento”.

>> Consulta la Pagina speciale sulla Riforma della Pubblica Amministrazione contenente testi dei decreti e gli autorevoli articoli di dottrina dei nostri esperti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *