Questo articolo è stato letto 18 volte

Arrivano 1,2 milioni di premi antievasione

Fonte: Il Sole 24Ore

Partiti i primi «premi» per i Comuni che si sono alleati con l’amministrazione finanziaria nella caccia agli evasori fiscali fra 2008 e 2010. Dopo l’antipasto di novembre, con incentivi da circa 120mila euro legati ai soli tributi catastali, il ministero dell’Interno ha comunicato ieri di aver avviato i pagamenti per la lotta al «nero» su tutti gli altri fronti, condotta insieme all’agenzia delle Entrate. Le cifre, come anticipato, non sono enormi, ma rappresentano la partenza concreta di un meccanismo che nel tempo può produrre, almeno nelle intenzioni dei fautori, risultati incrementali. La prima parte erogata in questi giorni dal Viminale è di 499.935 euro, e con il secondo versamento previsto entro fine ottobre si arriverà a distribuire 1,22 milioni di euro. L’assegno più consistente è quello indirizzato al Comune di Bologna, che ha ottenuto in questi giorni circa 10mila euro e dovrebbe chiudere la partita 2008-2010 intorno ai 22mila euro. Prudenzialmente, il Viminale spiega che la seconda rata arriverà «presumibilmente» entro la fine di ottobre, data prevista dai decreti dell’Economia, per il semplice fatto che deve arrivare al traguardo l’assestamento di bilancio da circa 700mila euro necessario per i pagamenti. Dall’anno prossimo, invece, il meccanismo entrerà a regime, con un calendario che prevede di chiudere la partita relativa a ogni anno entro il 31 ottobre dell’anno successivo. Con cifre, probabilmente, assai più consistenti, almeno a giudicare dall’accelerazione registrata dall’agenzia delle Entrate nel numero di segnalazioni e di Comuni attivi nell’anti-evasione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *