Questo articolo è stato letto 0 volte

Arriva la guida personale per ridurre i Documenti

Un tutor che faccia da guida nei meandri della pubblica amministrazione italiana. E che aiuti l’imprenditore che decide di aprire una nuova attività, intervenendo non solo nella fase di realizzazione della struttura ma già in quella di progettazione. La misura è ancora allo studio nei suoi dettagli da parte dei tecnici del ministero dello Sviluppo economico. Ma si tratta di una delle novità più importanti contenute nel cosiddetto decreto del Fare bis, che dovrebbe essere approvato dal consiglio dei ministri entro la metà di settembre. L’idea è quella di semplificare le procedure che portano all’apertura di una nuova attività economica. E, per i progetti più grandi, rivoluzionare la cosiddetta conferenza dei servizi. Si tratta di una procedura introdotta una ventina di anni fa proprio con l’obiettivo di semplificare l’iter burocratico per il rilascio di autorizzazioni, permessi e licenze, mettendo attorno allo stesso tavolo tutti gli enti locali e i soggetti interessati. Ma che nella pratica si è spesso trasformata in un collo di bottiglia che blocca le nuove iniziative economiche, che di tutto hanno bisogno meno che di essere scoraggiate in un momento di recessione come questo.

Il decreto del Fare bis prevede che le conferenze dei servizi, devono essere se possibile «telematiche» e «asincrone». Non una riunione dal vivo, cioè, che costa di più alla pubblica amministrazione in caso di trasferte e che spesso rallenta i tempi del procedimento per la difficoltà di incastrare le agende di tutti i soggetti coinvolti. Ma una riunione «virtuale» che, con l’aiuto di una piattaforma telematica, consenta a tutti i soggetti coinvolti di esaminare la pratica a distanza leggendo le osservazioni degli altri e aggiungendo le proprie. Una novità che dovrebbe avere vantaggi in termini di tempi e di costi per la pubblica amministrazione, per le imprese e anche per i cittadini.

Continua a leggere su: Corriere della Sera

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>