Questo articolo è stato letto 1 volte

Voto domiciliare amministrative 2016, domande entro il 16 maggio

C’è tempo fino al 16 maggio per chiedere, al sindaco del comune nelle cui liste elettorali si è iscritti, di votare nella propria abitazione. Il termine di presentazione della dichiarazione sulla volontà di esprimere il voto presso la propria dimora, nell’ambito del territorio del comune nel quale si è elettore, ha tuttavia carattere ordinatorio, può pertanto essere superato compatibilmente con le esigenze organizzative del comune, per garantire comunque il diritto di voto costituzionalmente tutelato.

La domanda di ammissione al voto domiciliare – che per le elezioni comunali vale sia per il primo turno di votazione che per l’eventuale ballottaggio – deve indicare l’indirizzo dell’abitazione in cui l’elettore dimora e, possibilmente, un recapito telefonico, e deve essere corredata di copia della tessera elettorale e di idonea certificazione sanitaria rilasciata da un funzionario medico designato dagli organi dell’azienda sanitaria locale.

I medici designati al rilascio dei certificati “non possono essere candidati né parenti fino al quarto grado di candidati”.

> Sul voto domilciliare segnaliamo la circolare della Prefettura-Utg di Vibo Valentia 2 maggio 2016, prot. n. 17610

> Vai allo Speciale AMMINISTRATIVE 2016 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *