Questo articolo è stato letto 39 volte

Verso un nuovo disegno di legge: insufficiente l’equilibrio di genere nelle Province

Parità di genere

Silvia Chiassai Martini, presidente della Provincia di Arezzo e vicepresidente UPI, è intervenuta in audizione presso la Commissione Affari Costituzionali del Senato in merito al disegno di legge per la promozione dell’equilibrio di genere, condizione da garantire nell’ambito degli organi costituzionali, nelle autorità indipendenti, nelle controllate e nei comitati di consulenza.

“Le modalità su cui con la legge 56/2014 si è costruito il sistema elettorale delle Province, insieme alla cancellazione delle giunte provinciali e alla riduzione drastica del numero dei consiglieri provinciali, ha evidentemente ristretto i margini della presenza femminile negli organi di governo delle Province, fino all’azzeramento dell’equilibrio di genere. Considerato che sulla revisione della legge 56/14 si è aperta da mesi una discussione attenta presso il Ministero dell’Interno cogliamo l’occasione di questa audizione per sollevare il tema in questa sede che riteniamo estremamente opportuna e per porlo all’attenzione della Commissione Affari Costituzionali. Nel 2010, ultima tornata elettorale amministrativa universale delle Province prima dell’entrata in vigore della Legge 56/14 – ha proseguito la Vicepresidente – il 14% dei Presidenti di Provincia era donna, e nei Consigli Provinciali la media della rappresentanza femminile arrivava a raggiungere il 38%. Il nuovo sistema elettorale di secondo grado introdotto dalla legge 56/14 ha purtroppo di fatto azzerato l’equilibrio di genere, effetto che in realtà l’UPI aveva segnalato anche in Parlamento durante l’iter di approvazione della Legge, non ricevendo però attenzione. Ad oggi nelle 76 Province delle Regioni a statuto ordinario le presidenti elette sono 4, appena il 5%, e la presenza delle elette nei consigli è inferiore al 10%.” Martini ha concluso il suo intervento chiedendo al Parlamento “di aprire una riflessione seria su questo tema per trovare quelle correzioni nella disciplina sul sistema elettorale e sugli organi di governo delle Province che permettano di garantire anche a queste istituzioni costitutive della Repubblica il pieno rispetto dei principi di parità e di equilibrio che devono essere attuati ad ogni livello di governo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *