Questo articolo è stato letto 120 volte

“Una Pubblica Amministrazione più trasparente diventa anche più efficiente”

“Una Pubblica Amministrazione più trasparente diventa anche più efficiente”

È stato sottoscritto questa settimana il protocollo d’intesa tra il ministro per la Pubblica Amministrazione e Fondazione Etica (fondazione indipendente e no–profit che i occupa prevalentemente di innovazione nel sistema pubblico e nelle politiche sociali).
Con la firma del protocollo di intesa con Fondazione Etica “l’obiettivo principale – spiega il ministro per la Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone – è quello di promuovere le buone pratiche della trasparenza sui dati delle PA, affinché siano facilmente accessibili e fruibili dai cittadini, non solo per monitorare l’operato, ma soprattutto per partecipare attivamente e in maniera incisiva alle scelte delle amministrazioni”.

Nelle azioni di open government promosse dalla Funzione pubblica sono fortemente coinvolti soggetti qualificati nel monitoraggio delle pubbliche amministrazioni e Fondazione Etica ha una lunga esperienza nella misurazione comparata dell’integrità, dell’efficienza e della trasparenza degli enti. Il ministro in tale direzione spiega: “Conoscere è potere. Una amministrazione pubblica trasparente dà ai cittadini il vero potere di scegliere e orientare le decisioni pubbliche”.

Il protocollo d’intesa pone tra i suoi obiettivi fondamentali quello di promuovere un’interpretazione del principio di sussidiarietà di cui al comma quarto dell’art. 118 Cost. conforme come valorizzazione della cittadinanza, che veda coinvolti tutti gli attori istituzioni di vario livello, comunità locali, cittadini, professionisti e amministratori.
Inoltre cerca fissare i criteri e le modalità di una collaborazione volta principalmente alla realizzazione di un’attività di valutazione comparata delle Pubbliche Amministrazioni, sia di tipo quantitativo che qualitativo, quale premessa per intervenire a supporto delle Pubbliche Amministrazioni stesse per il miglioramento della loro capacità amministrativa, e per avviare l’implementazione di una banca dati unica delle Pubbliche Amministrazioni.

>> IL PROTOCOLLO D’INTESA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *