Questo articolo è stato letto 1 volte

Un piatto verde con 276 mln

Fonte: Italia Oggi

Scade il 26 settembre 2012 il termine ultimo per presentare domanda di accesso al bando europeo LIFE+ 2012 che finanzia progetti in materia ambientale. Il bando europeo permette di ottenere contributi a fondo perduto fino al 75% della spesa ritenuta ammissibile. Vanta uno stanziamento complessivo di oltre 276 milioni di euro, di cui 24,3 milioni di euro destinati all’Italia. Negli scorsi giorni, intanto, è stata pubblicata una raccolta dettagliata di tutti i progetti finanziati attraverso il bando 2011, i cui risultati erano già stati anticipati a luglio scorso. Si tratta di un totale di 202 progetti relativi a tutto il territorio europeo, di cui 40 progetti sono stati presentati per l’Italia. Il bando finanzia progetti per natura e biodiversità, politica e governance ambientali, informazione e comunicazione.

Natura e biodiversità. Sono finanziabili progetti che mirano a proteggere, conservare, ripristinare, monitorare e favorire il funzionamento dei sistemi naturali, degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatiche, al fine di arrestare la perdita di biodiversità, inclusa la diversità delle risorse genetiche, all’interno dell’Ue.

Politica e governance ambientali. Si tratta di una misura multi-obiettivo. I progetti possono mirare a stabilizzare la concentrazione di gas a effetto serra, contribuire al miglioramento della qualità delle acque, raggiungere livelli di qualità dell’aria che non causino significativi effetti negativi, proteggere il suolo e assicurarne un uso sostenibile. Inoltre, possono mirare a migliorare il livello delle prestazioni ambientali delle aree urbane, contribuire allo sviluppo e all’attuazione di politiche sull’inquinamento acustico, migliorare la protezione dell’ambiente e della salute dai rischi costituiti dalle sostanze chimiche, sviluppare la base di informazioni per le politiche in tema di ambiente e salute. Altri obiettivi sono politiche elaborate per garantire una gestione sostenibile delle risorse naturali e dei rifiuti, politiche sulle foreste, strumenti innovativi diretti a facilitare l’attuazione del piano di azione per le tecnologie ambientali, il rispetto della normativa Ue in materia di ambiente.

Informazione e comunicazione. Questa misura finanzia la diffusione delle informazioni e sensibilizzare alle tematiche ambientali, inclusa la prevenzione degli incendi boschivi e fornire un sostegno alle misure di accompagnamento, quali informazione, azioni e campagne di comunicazione, conferenze e formazione, inclusa la formazione in materia di prevenzione degli incendi boschivi.

Alcuni dei progetti finanziati nello scorso bando. Sono 40 i progetti italiani finanziati sul bando 2011. Fra questi, il comune di Gravina in Puglia ha ottenuto un contributo di oltre un milione di euro per un progetto che mira alla salvaguardia del falco nell’area dell’Alta Murgia. Altro progetto, presentato dalla Provincia Autonoma di Trento, si concentra sull’utilizzo del sale per combattere l’innevamento del manto stradale, cercando in particolare di ridurre al minimo la quantità utilizzata per evitare risvolti negativi in termini ambientali; questo progetto ha ottenuto un contributo di circa 680 mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *