Questo articolo è stato letto 291 volte

Testo unico servizi pubblici locali di interesse economico generale: il via libera al decreto attuativo

Il Consiglio dei ministri, su proposta della Ministra per la semplificazione e la pubblica amministrazione Maria Anna Madia, ha approvato, in esame definitivo, il decreto legislativo recante il Testo unico sui servizi pubblici locali di interesse economico generale. Sono stati acquisiti i pareri parlamentari e si è tenuto conto delle indicazioni del Consiglio di Stato e della Conferenza unificata. Nello specifico, al fine di garantire ai cittadini qualità e efficienza dei servizi  sono previsti, tra l’altro, modalità competitive per l’affidamento, costi standard e livelli dimensionali almeno provinciali degli ambiti di erogazione dei servizi.

Quella varata nella giornata di ieri per il trasporto pubblico locale (all’interno del più generale decreto legislativo sui servizi pubblici locali) si configura come  una riforma storica che colpisce alcune delle più gravi distorsioni del settore. A partire dalla correzione del criterio della spesa storica per distribuire le risorse statali alle regioni. Entra in campo un’articolazione di criteri che prevede anche la ripartizione di un 20% del totale delle risorse mediante il criterio dei costi standard che premiano le gestioni più efficienti. 

Tra le norme di rilievo della riforma affiora:
– la correzione del criterio della spesa storica per distribuire le risorse statali alle Regioni,
– le sanzioni per i gestori che non rispettano livelli di qualità del servizio,
– il divieto di circolazione degli autobus Euro 0 ed Euro 1 al fine di favorire il ricambio della flotta,
– l’articolazione per territorio e mezzo applicato dell’obiettivo minimo del 35% di copertura di costi con i ricavi da tariffa,
– l’introduzione di tecnologie conta-passeggeri su bus, metropolitane e treni,
– oltre all’aggiornamento periodico delle tariffe.

>> Consulta lo Speciale sulla Riforma Madia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *